Stampa
In: Territorio

05 15adsiNOCI (Bari) – Noci aderisce, per la prima volta, alle Giornate nazionali delle dimore storiche italiane. E lo fa selezionando 9 location per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della conservazione dei beni culturali privati, accogliendo la proposta del delegato ADSI Avv. Pietro Cassano in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e agli eventi e con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Noci. La manifestazione nazionale, che si svolgerà sabato 21 e domenica 22 maggio 2016, è stata presentata alla stampa ed alla collettività lo scorso venerdì 13 maggio nella sala consigliare.

Nove location per nove attori coinvolti nella programmazione della due giorni nocese. Le iniziative e gli eventi che avranno luogo nelle “dimore” selezionate dal Comune di Noci, aperte alla fruizione di qualsiasi cittadino italiano o straniero, saranno gestite da: l’associazione Pro Loco e Puglia & Co per il servizio informazioni; l’associazione culturale Terra Nucum (con la presenza del prof. Pasquale Gentile e Arch. Giacovelli) che guiderà i visitatori alla scoperta dei luoghi interessati; il settore socio-culturale del Comune; l’associazione “Centro studi sui dialetti apulo-baresi ”; l’associazione musico culturale “Aulos”; l’associazione genitori e simpatizzanti Gallo-Positano e l’orchestra dell’Istituto Comprensivo Gallo.

Le nove dimore selezionate dal Comune di Noci, a detta dell’assessore agli eventi Vittorio Lippolis, sono state selezionate in base alla disponibilità dei proprietari. Motivo per il quale, si auspica, dopo questa due giorni si possa andare incontro, in futuro, ad una maggiore apertura del nostro territorio, “per mostrare e far conoscere quanto di bello importante esiste a Noci” dal punto di vista architettonico, storico ed artistico, non solo enogastronomico. Le nove dimore selezionate quindi sarebbero: Il museo della strada, il Chiostro delle Clarisse, la Chiesa di Santo Stefano, la Chiesa Maria Ss. della Natività, il Chiostro di San Domenico, Villa Lenti, Masseria Montone, Masseria Mastro Marco, Abbazia Madonna della Scala. Queste, oltre ad essere aperte e fruibili in via del tutto eccezionale alla collettività, saranno inoltre in questa due giorni animate dalle associazioni sopra elencate. Motivo d'orgoglio per l'Amministrazione che a detta dell'assessore Lippolis è riuscita ad unire in unico evento associazioni, luoghi ed evento nocesi. Restano tuttavia una serie di dubbi sul concetto di dimora antica e su come gli enti organizzatori siano riusciti ad associare le nove tappe con il suddetto termine.  

Per l'occasione Adsi e Comune di Noci hanno realizzato il programma eventi che qui vi riportiamo: 

Il Programma di Noci.

Appuntamento quindi a sabato 21 e domenica 22 maggio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA