Stampa
In: Tutela e rispetto

01 30 georadarNOCI (Bari) - L'attività aerea dell'elicottero giallo che trasporta un "siluro rosso" rientra nel progetto di telerivelamento aereo su un'area di 4.000 chilometri quadrati in alcune province della Campania, Sicilia, Calabria e Puglia. Obiettivo? Rilevare alcuni parametri fisici e geochimici del suolo terrestre, scandagliare il sottosuolo di cave dismesse e misurare eventuali emissioni radioattive di metalli e gas (Foto: Helica.it). 

L'elicottero, dotato di un sistema laserscan (LiDAR), appartiene alla flotta dell'azienda «Helica» di Udine, che si è aggiudicata una commessa del Comando Generale dei Carabinieri, e sta operando da diversi mesi in attività di telerilevamento aereo in alcune zone del Sud Italia.

Anche il territorio di Noci è stato interessato in questi giorni dall'azione di monitoraggio, mediante opportune teconologie, di parametri geofisici al fine di mappare il territorio così come richiesto dal Ministero dell'Ambiente. 

I dati raccolti permetteranno di capire se le aree individuate dal georadar sono state riempite in maniera illegale o se sono ancora utilizzate per smaltire abusivamente rifiuti o sostanze tossiche. Il velivolo è dotato di sensori, in grado per esempio di captare ogni tipo di radiazione, sia quella che potrebbe essere generata da fonti naturali o quella determinata di depositi illegali di rifiuti. I dati, dopo essere stati elaborati, saranno poi trasmessi alle strutture Arpa delle regioni competenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA