Stampa
In: Tutela e rispetto

05 25 xylella 1NOCI (Bari) - Il 23 maggio scorso si è svolto un importante seminario informativo sull'infezione da Xylella e sui trattamenti insetticidi obbligatori (Leggi qui) relativi al vettore Sputacchina per contenere la popolazione degli adulti di Philaenus spumarius, Neophilaenus campestris e Philaenus italosignus. Noci, dopo l’ultimo monitoraggio del 9 maggio 2019 effettuato dall’Osservatorio fitosanitario regionale sugli uliveti delle zone dell’entroterra pugliese, è stato riconfermato nella zona definita “cuscinetto”. (Leggi qui)

05 25 xylella 2L'incontro è stato promosso dall’UCI (Unione Coltivatori Italiani) con il patrocinio del Comune di Noci, del Gal Terra dei Trulli e di Barsento e dell’Associazione Nazionale Forestali sezione Bari. Obiettivo: sensibilizzare gli operatori del settore alle misure di contenimento e prevenzione necessarie per arginare l’infezione della Xylella il cui batterio è all'origine del Complesso del disseccamento rapido dell'olivo (CoDiRo), grave fitopatologia comparsa nel Salento sin dal 2010 e responsabile della morte per disseccamento di numerosi ulivi secolari. 

05 25 xylella 4Saluti istituzionali del Sindaco di Noci, dott. Domenico Nisi, il quale ha ribadito che «Tutti i territori che si trovano oggi nella “zona cuscinetto” sono chiamati ad una grande responsabilità: quella di applicare quanto stabilito dalla norma per contenere il contagio ed impedire che l’epidemia si diffonda nelle zone ancora indenni. Ne va dell’identità e della cultura della nostra Regione». 

È toccato dunque a Vito Laterza, coordinatore regionale UCI, introdurre i tecnici invitati per informare i presenti sullo stato della ricerca e sulle misure necessarie a contenere la diffusione della Xylella fastidiosa: «Oggi non possiamo far altro che affidarci alla scienza e chiunque possegga un appezzamento di terreno deve fare la sua parte, perché non possiamo consentire la morte del comparto olivicolo pugliese. Per questo invito tutti a trasferire ad altri quanto sarà detto oggi».

05 25 xylella 3Il dott. Pierfederico La Notte del CNR Istituto per la protezione sostenibile delle piante ha presentato i sintomi e gli effetti della Xylella sulle piante di ulivo evidenziando le aree europee di diffusione di questa patologia. «Chi vive nella “Zona cuscinetto” - ha ribadito La Notte - non deve soltanto pensare a salvare le sue produzioni, ma ad arrestare l’epidemia, per impedire che si trasmetta nella zona indenne e in altre Regioni». Le misure da applicare, imposte anche dalla Comunità Europea, sono severe. Ma bisogna tener conto che, allo stato attuale, soltanto lo 0,6% del territorio europeo è stato colpito dal batterio, ed è naturale che si voglia preservare il restante 99,4%.

05 25 xylella 5La dott.ssa Crescenza Dongiovanni, Responsabile del settore “Protezione Integrata e Biologica delle Colture e Sicurezza Alimentare” del CRSFA (Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura) “Basile Caramia” di Locorotondo, tornata a Noci dopo un incontro del 2018 (Leggi qui) ha descritto i meccanismi di trasmissione della Xylella tramite le fasi evolutive dell'insetto vettore, la Sputacchina, e si è soffermata sulle misure di contenimento che è necessario applicare, trinciatura, biodiserbo e diserbo e trattamenti fitosanitari, con le relative tempistiche d’intervento consigliate. «Chiaramente si tratta di indicazioni di massima, che possono variare anche sulla base dell’andamento climatico. Proprio per questa ragione ogni dieci giorni circa, la Regione Puglia effettua dei monitoraggi e pubblica sul sito www.emergenzaxylela.it indicazioni aggiornate sul da farsi».

Il Gen. Div. Giuseppe Silletti, già commissario straordinario per la lotta alla Xylella, ha presentato il quadro normativo di contrasto al fenomeno Xylella. Moderatrice dell’incontro la dott.ssa Annamaria Dalena, Assessore all’Ambiente e allo Sviluppo rurale del Comune di Noci.

 

LEGGI ANCHE:

Xylella, Coldiretti: sorvolo in elicottero su 165 m di area infetta

Epidemia Xylella - prevenzione e contrasto: un seminario a Noci

Misure anti Xylella fastidiosa: il sindaco Nisi firma l'ordinanza

Emergenza Xylella: le raccomandazioni dell’osservatorio regionale per il mese di aprile

Anti xylella, a Fasano si radunano agricoltori e sindaci per #Buonepraticheday

Xylella, nuova delimitazione delle zone: infetta, cuscinetto e di contenimento

Anve: presentato esposto alla Procura di Bari contro fake news sulla Xylella

La Xylella nella Terra delle Noci

Xylella, Lippolis: "Fenomeno tutt'altro che lontano: prevenzione necessaria"

Xylella: Coldiretti Puglia, trattori in marcia contro rischio estinzione ulivi

Xylella: Coldiretti Puglia, 90% terreni pubblici e demaniali in balia della sputacchina

Al Bano testimonial contro la Xylella

Residui di campo infetti da Xylella, denunciate 4 persone

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA