Stampa
In: Viabilità e Trasporti

NOCI (Bari) – Sarà letto o sarà già stato letto come un disagio, ma alla base di tutto c’è l’avvio del potenziamento infrastrutturale e tecnologico per la messa in sicurezza e l’ammodernamento dell’anello ferroviario. Se dallo scorso 11 settembre studenti pendolari, lavoratori e viaggiatori occasionali hanno riscontrato difficoltà a raggiungere Bari partendo da Noci o dai paesi limitrofi, dal leccese o dal tarantino, è a causa dell’ lavori per l’installazione del sistema di controllo della marcia (SCMT) sia sulla linea Mungivacca-Putignano e sulla linea Bari-Putignano.

Sostanziali sono infatti le modifiche che sono state apportate al programma di circolazione dei treni per entrambe le linee i cui interventi dovrebbero concludersi entro dicembre 2018 (nel caso della linea Mungivacca – Putignano, Via Casamassima) e a settembre 2018 (nel caso della linea Bari – Putignano, per i quali l’avvio è previsto a gennaio).

Da lunedì 11 settembre pertanto, tutti i treni della linea Bari Centrale - Putignano, via Casamassima, sono stati cancellati e sostituiti con bus.
Sulla linea Bari Centrale – Martina Franca, via Conversano:

- i treni TVAT 1101, TVAT 1113, TVAT 1106, TVAT 1124 e TVAT 1128 saranno cancellati e sostituiti con bus;

- il treno TVAT 1111 sarà cancellato; i viaggiatori potranno utilizzare il treno TVAT 1107 con orario di partenza alle ore 06.28;

- il treno TVAT 1112 Martina Franca – Bari sarà sostituito con bus sulla tratta Martina Franca – Putignano;

-  effettuato nuovo treno TVAT 1173 da Bari (18.15) a Martina Franca (20.03).

I servizi automobilistici rispetteranno gli orari previsti per i treni, inoltre saranno rinforzati, con corse aggiuntive, nelle fasce orarie con la maggiore frequenza di clienti. Gli orari potranno subire modifiche in relazione al traffico stradale. I bus fermeranno in corrispondenza delle stazioni o in prossimità della palina per la sosta più vicina alla linea, per garantire la sicurezza dei viaggiatori in salita e in discesa. 

Maggiori informazioni, con dettagli di orari e fermate, saranno fornite nelle stazioni, sul sito web fseonline.it e nei numerosi punti vendita sul territorio. È fondamentale sapere inoltre che i cantieri saranno operativi 24 ore su 24, sette giorni su sette. Al lavoro 75 tecnici tra personale FSE e impresa appaltatrice e 25 mezzi d’opera. Infine, sempre a settembre 2017 riprenderanno i lavori per il completamento dell’elettrificazione della linea Bari – Putignano – Taranto, con l’obiettivo di far circolare il primo treno elettrico a giugno 2018. 

Entro l’estate 2018 Ferrovie del Sud Est potrà così offrire ai propri clienti sull’anello ferroviario di Bari una rete:  più sicura, grazie alla tecnologia SCMT e alla completa automazione dei passaggi a livello; più performante, in termini di velocità commerciale e di caratteristiche tecniche; i treni viaggeranno alla massima velocità consentita superando l’attuale limite di 50 km/h; interoperabile e più sostenibile dal punto di vista ambientale, grazie all’elettrificazione del sistema di alimentazione dei treni. L’investimento finanziario complessivo previsto è di 80 milioni di euro, di cui 13 destinati alla tecnologia SCMT, interamente finanziata da Regione Puglia.