Stampa
In: Notizie da fuori città

07 11foto1 MonopoliMONOPOLI - Il 5 luglio, i Carabinieri del Comando Stazione di Monopoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica di Bari, nella quale vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza nel procedimento a carico di un 29enne della provincia di Foggia, ritenuto, secondo l’impostazione accusatoria,  responsabile dei reati di furto aggravato e violazione degli obblighi inerenti alla Sorveglianza Speciale.

Il provvedimento scaturisce da un’indagine condotta dai Carabinieri della Stazione di Monopoli all’indomani del furto perpetrato all’interno di una gioielleria del posto, la notte tra il 12 ed il 13 febbraio 2020.

Secondo l’impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa) l’indagato, in quel periodo già gravato dalla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S., violando la prescrizione di non allontanarsi dal comune di residenza, nelle ore notturne del 13 febbraio 2020 avrebbe raggiunto Monopoli e, realizzando un grosso foro nel muro di un’abitazione confinante con una gioielleria,  si sarebbe introdotto all’interno del citato esercizio commerciale eludendone il sistema di allarme volumetrico, riuscendo ad impossessarsi di numerosi articoli di oreficeria e gioielli.

Ad avvalorare ulteriormente la tesi degli investigatori anche le risultanze dell’attività tecnica sul profilo genetico ottenuto da un mozzicone di sigaretta rinvenuto in sede di sopralluogo.

Al termine dell’operazione, il 29enne è stato tradotto presso la casa circondariale di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA