Stampa
In: Notizie da Noci

08 03 Marilina LaforgiaNOCI (Bari) – Il 2016 è un anno speciale per il mondo dello scautismo cattolico italiano: nel 1916 infatti nasceva l’ASCI ( Associazione Scoutistica Cattolica Italiana) che nel 1974 in seguito all’unione con l’AGI ( Associazione Guide Italiane) si è trasformata in AGESCI ( Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani) . Quest’anno quindi si celebra il centenario della formazione del primo gruppo scout in Italia e per l’occasione il programma “Uno mattina estate”, condotto da Mia Ceran e Alessio Zucchini in onda tutte le mattine su Rai 1, ha ospitato i due presidenti nazionali AGESCI Matteo Spanò e la nocese Marilina Laforgia (in foto).

08 03 Scouts 2Nel corso dello spazio dedicato durante la trasmissione, gli ospiti hanno risposto ad alcune domande formulate dai conduttori e in particolar modo la Laforgia ha argomentato circa il perché di due presidenti per l’associazione e riguardo la vita degli scout nell’era dei social.  “Facciamo lo sforzo di farne a meno lì dove possibile, con la consapevolezza che la dimensione tecnologica non consente un ritorno indietro” - ha commentato la Laforgia in riferimento alla vita dello scout in relazione ai social. “La dimensione esperienziale è costitutiva, nell’esperienza dello scoutismo, nella quale vive la relazione educativa tra un adulto e un ragazzo che condividono la stessa esperienza. Ed è proprio questa che consente di imparare a vivere in altri ambienti meno completi, come quello dei social".

Durante la trasmissione sono state mandate in onda alcune foto, tra cui una in particolare scattata dal nocese Paolo Di Bari  durante la chiusura della Route nazionale 2014 a San Rossore (Pisa). La stessa ritrae due ragazze del gruppo Noci Scout 1 ( Elita Mezzapesa e Gigia Recchia) intente ad eseguire il classico saluto che simboleggia i tre punti della promessa scout. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA