Stampa
In: Notizie da Noci

ComandanteLanzaNOCI (Bari) - Il prossimo 9 maggio, il maresciallo Antonino Bruno Lanza, fino ad oggi "Comandante in sede vacante" assumerà in via effettiva e definitiva il comando della locale Stazione dei Carabinieri.  Al suo attivo diverse operazioni contro la criminalità organizzata, missioni di pace all'estero e arresti per spaccio e dentenzione di stupefacenti. Scopriamo qualche dettaglio in più sulla sua trentennennale carriera nell'Arma.

Lanza ha 51 anni e una laurea in Scienze dell’Amministrazione conseguita presso l’Università di Siena. Si è arruolato nella Benemerita nel 1989 e in 31 anni ha costruito una carriera di tutto rispetto, prestando servizio in tutti i settori dell’Arma. Particolarmente attivo nella lotta contro la criminalità organizzata, il Luogotenente Lanza ha prestato servizio presso i nuclei operativi speciali di Calabria e Sicilia. Negli anni delle ben note stragi dei giudici Falcone e Borsellino, ha preso parte all’operazione “Vespri Siciliani” contro la mafia sicula e più tardi all’operazione “Alto impatto” per contrastare la Camorra. In Puglia ha partecipato (nel 2000) all'operazione "Primavera", anti contrabbando di sigarette. Presso lo Stato Maggiore della Legione Carabinieri di Bari, il Luogotenente ha svolto anche più tranquilli compiti amministrativi.

Non sono mancate però anche le missioni di pace all’estero, in particolare in Bosnia Erzegovina e Kosovo. Nell’ultimo decennio, la sua carriera lo ha portato a far parte della Compagnia Comandi Carabinieri di Monopoli - Sezione Operativa del NORM. Diversi gli arresti eseguiti da Lanza per quanto riguarda lo spaccio e l’assunzione di stupefacenti. Notevole anche il suo impegno  nella gestione degli interventi volti a far rispettare le misure imposte per prevenire il contagio da Coronavirus.

Con una carriera e un’esperienza simili, possiamo sicuramente dirci in buone mani. Al nuovo Comandante Antonino Bruno Lanza giungano i migliori auguri di buon lavoro da parte dell’intera redazione di Noci24, unitamente all’auspicio di riuscire ad instaurare con la cittadinanza un rapporto di profonda collaborazione oltre naturalmente che di fiducia e stima.