Stampa
In: Notizie da Noci

ambulanzaNOCI -  Lo scorso 19 dicembre, a Putignano (precisamente in corso Umberto I) una donna è stata colta da arresto cardiocircolatorio, accasciandosi al centro strada. L’ambulanza del 118 di Putignano, allertata da una volante della Polizia Locale di passaggio, era però impegnata a fronteggiare un’altra emergenza. Una vicenda che presenta evidenti analogie con la triste vicenda accaduta lo scorso novembre a Noci, quando una signora perse la vita in piazza Garibaldi proprio a causa di un arresto cardiaco. Questa però è una storia fortunatamente a lieto fine: ecco perchè.

Una giovane dottoressa, accorgendosi della gravità di quanto stava accadendo, ha iniziato a praticare alla donna un massaggio cardiopolmonare. Lunghissimi e all’insegna dell’ansia e della speranza i minuti che passavano inesorabilmente. Un Vigile del Fuoco fuori servizio, recuperando un defibrillatore nei pressi del Comune, si è offerto di dare il cambio alla dottoressa continuando col massaggio cardiopolmonare. All’improvviso una speranza: si accorge di un minimo battito ancora presente e continua imperterrito. Finalmente un grosso sospiro di sollievo: l’anziana inizia a riprendersi, tossendo e muovendo un braccio.
All’arrivo dell’ambulanza del 118 proveniente da Noci, circa 25 minuti dopo, le condizioni della paziente sono state stabilizzate e la si è trasportata precauzionalmente in ospedale. Una storia a lieto fine, a differenza purtroppo del triste epilogo che ebbe l’analoga vicenda di Noci.
A dimostrazione del fatto che la tempestività con la pratica del massaggio cardiaco e con l’uso dei DAE, nell’attesa dei soccorsi, possono davvero salvare delle vite.

(Foto di repertorio)