Stampa
In: Notizie da Noci

museoNOCI - Adesso è tutto sistemato. Domenica 7 marzo, il muro della passerella che conduce al MU.RA. è stato ripulito dalla scritta realizzata giorni prima da alcuni giovani cittadini nocesi.

I ragazzi, un gruppetto di 5/6 persone di età compresa tra gli 11 e i 13 anni, si erano resi protagonisti circa due settimane fa di questo piccolo atto vandalico: servendosi di bombolette spray avevano imbrattato una piccola porzione di muro, oggi tornata come nuova.
Individuati dalla Polizia Municipale attraverso le immagini catturate dall'impianto di videosorveglianza della struttura, i responsabili sono stati convocati ed è stata chiesta loro una spiegazione sul gesto compiuto.

Così, una volta chiarita la vicenda, i nostri giovanissimi concittadini sono stati invitati a sistemare la faccenda. Cosa successa appunto DOMENICA quando, armati di carta vetrata e vernice fresca, hanno provveduto insieme ai loro genitori alla ritinteggiatura della porzione di muro imbrattata.

Sicuramente pentiti di quanto fatto, i ragazzi si sono dunque assunti le proprie responsabilità. Così come chiesto, tra l'altro dal Sindaco Domenico Nisi in occasione della diretta Facebook di venerdì 19 febbraio. In quell'occasione il Primo Cittadino invitò i giovani responsabili a farsi avanti spontaneamente, chiudendo il suo intervento con la frase: "Sarà per voi un’esperienza di crescita e profondamente formativa. A me piacerebbe inoltre poter dire tutti assieme che siamo dei cittadini capaci di assumersi in toto le proprie responsabilità".

I ragazzi inoltre hanno voluto far pervenire al Sindaco un messaggio di scuse all’intera comunità: “Egregio signor Sindaco ci scusiamo con lei ma anche con tutti i cittadini di Noci. Ci dispiace per l’atto vandalico e infantile che abbiamo compiuto. Ringraziamo il Comune, soprattutto con la Polizia locale per averci dato la possibilità di ripristinare il danno che abbiamo fatto. E che sia di esempio per i nostri coetanei. Vi promettiamo che saremo i primi a vigilare l’anfiteatro comunale e i posti che frequentiamo. Ci dispiace”.

«A nome di tutta la comunità, accetto le vostre scuse – è la risposta del Sindaco Domenico Nisi ai ragazzi, – e accolgo favorevolmente l'intenzione di essere "vigili" voi stessi di quello spazio. Ringrazio i vostri genitori per la collaborazione prestata e per aver condiviso con noi  lo spirito costruttivo con il quale ci si è approcciati alla risoluzione di questo problema. Sono sempre stato dalla parte dei ragazzi e mai mi sognerei di frenare la loro creatività e libertà di espressione. Tuttavia - e rivolgo questo appello a tutti - qualora vi fosse il desiderio di decorare con graffiti e murales dei muri della nostra città, preferirei che mi scriviate e che individuassimo insieme i luoghi e le modalità di intervento. Sappiate che non sono contrario alla street art, ma certamente non è posso tollerare o giustificare chi non tratta la nostra grande casa comune come la propria».