Stampa
In: Notizie da Noci

11-07-via-ceciNOCI (Bari) - Scene dal miglior "Need For Speed" quelle accadute sulle strade nocesi martedì sera. Una banda di ladri d'auto è riuscita a sfuggire alla cattura dei Carabinieri disseminando sull'asfalto decine di chiodi a 4 punte. Intorno alle 19.30 una pattuglia dei carabinieri della stazione di Noci in servizio di pattugliamento all'imbocco di via Giambattista Ceci (in foto), aggancia due autoveicoli sospetti ed ingaggia un inseguimento.

Sulla prima autovettura, una Y10, vi sono due persone a bordo, su quella successiva un terzo complice che guida una Lancia Delta. Le due auto procedevano una di seguito all'altra ed alla vista della gazzella hanno iniziato delle pericolose manovre sulla strada. I militari si sono piazzati subito dietro di loro innescando l'inseguimento nella periferia est della città. Dopo poche centinaia di metri la Y10 viene abbandonata sul ciglio della strada all'altezza di FusillAuto ed i due occupanti salgono a bordo della Delta. Di qui l'inseguimento si fa spettacolare.

11-07-chiodi-4-punteLa berlina di casa Lancia parte a tutta velocità verso via Lazzati in barba all'incrocio semaforico per Martina Franca ed inizia a disseminare chiodi a 4 punte (in foto) per tutta la strada nel tentativo di far desistere i militari dall'inseguirli. Gli inseguiti lanciano decine e decine di chiodi quadristellati proseguendo a velocità folle lungo tutto il rettilineo in direzione della zona industriale. Il tutto avviene sotto lo sguardo incredulo dei numerosi podisti che a quell'ora affollano la pista ciclopedonale posta sul lato destro della via. Arrivati quasi all'imbocco con l'intersezione per la zona industriale – via Alberobello, i militari forano il veicolo. La Delta prende così un ampio margine di distacco.

I militari non si scompongono e subito dopo aver riparato la ruota a tempo di record riprendono l'inseguimento. Ripresa che finisce dopo poche centinaia di metri perché i carabinieri forano di nuovo sulla rampa di accesso che immette sulla circonvallazione. La Delta può così dileguarsi indisturbata. Nel frattempo un giovane alla guida di una Mercedes che procedeva in direzione opposta fora anch'egli.

La strada è un tappeto di chiodi. A questo punto i militari ritornano sulla Y10 abbandonata poc'anzi e scoprono che era stata rubata poco prima ad una ragazza di Noci ignara di quanto accaduto. Dopo aver raccolto i chiodi e messo in sicurezza le due strade teatro dell'inseguimento con l'aiuto degli astanti, i carabinieri hanno segnalato l'autovettura ai comandi limitrofi nel tentativo di intercettarla e bloccarla definitivamente. Tutt'ora l'auto risulta ricercata.