Stampa
In: Arte

06 02mimmofiorelliNOCI (Bari) - E’ venuto a mancare all’età di 76 anni il pittore, scultore, ceramista e grafico Mimmo Fiorelli. Già definito “artista della freschezza che amava la Grecia”, l’artista nocese nativo di Gioia del Colle oggi lascia Noci con tutte le sue opere d’arte. Maestro d’arte contemporanea egli ha tenuto mostre personali in Italia ed in varie parti del mondo.

A Noci in particolare fu protagonista del 2006 e nel 2010 di due antologiche nel Palazzo Comunale e nel chiostro delle Clarisse. Ha partecipato a molte rassegne internazionali ottenendo il primo posto in rassegne di Noci, Corato, Galatina, Cisternino, Margherita di Savoia, Casamassima, Bitonto (arte sacra), Bitetto, Molta di Bari, Matera (Premio Tavole palatine) e altri importanti riconoscimenti tra cui il premio Tommaso Fiore alla carriera con Pontiggia, Nievo, Bevilacqua, Nigro, Sughi, Spizzico e altri. Sue opere si trovano presso la Biblioteca Chagall di Nizza, Musei Vaticani, Museo delle ceramiche di Rapino, Abbazia Madonna della Scala Noci (12 grandi tele per la decorazione del refettorio), nel parco del Pollino, Sala Enotria Turi, in Italia, Grecia, Francia, Svizzera, Lussemburgo, Usa. E’ stato presente in Violarte Emozioni d’Arte.

L’originalità stilistica delle opere d’arte di Fiorelli consisteva nella capacità di scomporre e ricomporre temi mediante “interferenze” del tutto attuali, alla ricerca di nuovi messaggi e nuove ricchezze da trasmettere al posto dello scarso segnale televisivo. Simbolico, anticonvenzionale, sentimentale, esprimeva – come cita Cracas- la vita che sfugge. Lascia moglie, due figli e quattro nipoti. Le esequie si svolgeranno alle 16.30 alla chiesa Maria SS della Natività. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA