Stampa
In: Educazione

12 18 festa popoliNOCI (Bari) - Si è chiusa ieri, 18 dicembre, “Sotto lo stesso cielo”, la settimana dei popoli nocese, con una grande festa che si è tenuta in piazza Garibaldi. Tutta la settimana è stata, inoltre, accompagnata dalla mostra di Nabi Niasse, promossa dall’associazione Kenda, e dalla mostra “Chiamata alle arti per il diritto d’asilo”, promossa dal progetto SPRAR.

LE MOSTRE - Per tutto il corso della settimana hanno riempito il chiostro delle Clarisse le due mostre sopracitate, che hanno riscosso un discreto successo anche nella cittadinanza. Insieme alle splendide foto della mostra “Chiamata alle arti per il diritto di asilo”, le numerose tele dell’artista senegalese Nabi Niasse hanno descritto la realtà dell’immigrazione in maniera splendida: con sincerità, genuinità e con speranza di cambiamento. Nel ritrarre situazioni difficili e tristi, infatti, l’artista ha voluto contrapporvi il lato “positivo” di ogni fatto: da qui la scelta di creare tele doppie, “fronte retro”, all’interno delle ruote delle biciclette. Non sono mancate tele crude: dall’uomo defunto e senza nome alla donna nera in lutto, opera acquistata durante la mostra che ci fa ricordare quanto la bellezza dell’arte possa aiutare ad esorcizzare situazioni che apparentemente hanno tutto fuorché la bellezza.

12 18 festa popoli 2

LA FESTA - Dalle 17 di ieri pomeriggio, invece, si sono susseguiti i festeggiamenti conclusivi della settimana: prima un giocoliere ha intrattenuto i più piccoli, alle 19, invece, c’è stato lo spettacolo di danze tradizionali, a monte di un progetto realizzato con le scuole. Partendo da un ballo Albanese e da un ballo Indiano, tutti i presenti hanno potuto fare un viaggio sulle note della musica tradizionale fino ad arrivare in Turchia, Grecia, Russia e Romania, per poi tornare alla nostra terra a suon di pizzica pizzica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA