Stampa
In: Educazione

05 12ASOC6NOCI (Bari) - Si è conclusa mercoledì 9 maggio, con un convegno organizzato presso l'auditorium dell'IIS "Da Vinci - Galilei" di Noci, l’esperienza Asoc (A scuola con OpenCoesione) vissuta da alcuni ragazzi del terzo e quarto anno dei due Licei, Scientifico e delle Scienze Umane di Noci. Promosso dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il progetto di didattica innovativa ha avuto come obiettivo quello di far monitorare ai ragazzi lo sviluppo di alcune strutture territoriali interessate dai fondi strutturali europei per poi suggerirne migliorie.

Per gli studenti di Noci l’oggetto di indagine è stato quest’anno la Biblioteca Comunale "Mons. A. Amatulli", della quale hanno ripercorso storia, finanziamenti e composizione. Sopralluoghi, interviste (ai dipendenti e all'amministrazione comunale) hanno fatto parte di un lungo percorso di studio che ha portato gli stessi studiosi a fare il quadro di una situazione legata a due particolari servizi legati all’ente sito in Via Cappuccini: l’ascensore che collega il piano terra al primo piano della struttura e l’archivio della poesia pugliese.

Attraversando le varie fasi di ricerca e di rapporto con l’ente, passando anche per il primo convegno di febbraio scorso, gli studenti hanno così potuto sottoscrivere un feedback sugli obiettivi da concretizzare: riattivare l’ascensore (il cui non funzionamento impediva a disabili ed anziani di usufruirne) e digitalizzare l’archivio della poesia pugliese. Feedback che hanno subito trovato riscontro con la sottoscrizione di un contratto di manutenzione con la società Ceam srl e l’avvio della digitalizzazione delle opere grazie a Puglia digital Library, dopo tacito consenso di Vittorino Curci, fondatore dell’archivio.

All’evento hanno preso parte la Dirigente Scolastica Prof.ssa Rosa Roberto, la prof.sa Antonella Fiore che ha indicato obiettivi raggiunti del progetto e tutte le conclusioni del caso, il Dott. Antonio Lombardo (Responsabile sub azione 7.7.1 e 6.7.2. FESR) che per i ragazzi è stato punto di riferimento per le interviste in regione, esperto di politiche di coesione e già sicuro che le prossime programmazioni regionali saranno in gran parte destinati alle biblioteche; Giuseppe Zileni (Esperto dati aperti) che si è focalizzato sul paragone fra dati aperti di qualche anno fa e quelli attuali, in netta crescita; Giuseppe Basile (Direttore della Biblioteca Comunale di Noci) e Vittorino Curci (Poeta e Fondatore dell’Archivio della Poesia Pugliese).

Per gli studenti si è trattato insomma di un’esperienza unica, a tu per tu con il monitoraggio di opere e denaro pubblico, di conoscenza del territorio, di cittadinanza attiva, di comprensione del significato dei dati aperti e le potenzialità del loro riutilizzo.

Fotogallery

© RIPRODUZIONE RISERVATA