Stampa
In: Educazione

01 27albapanareseutenNOCI (Bari) – Come ogni anno, l’UTEN (Università della Terza Età di Noci) promuove e crea importantissime conferenze medico-scientifiche, formative non solo per gli associati ma per l’intera popolazione.

01 27 prima conferenza medico scientifica uten 2020 1Sabato 25 gennaio, presso la Sala Convegni Cappuccini di Noci si è tenuto il primo incontro scientifico-informativo intitolato “La prevenzione oncologica gastrointestinale”. A relazionare la dott.ssa Alba Panarese, dirigente medico dell’ IRCCS “De Bellis” di Castellana Grotte.

Inaspettatamente forte l’affluenza e la curiosità dei cittadini nocesi, pronti a rispondere sempre con grande interesse e sete di sapere a tematiche scientifiche e sanitarie, tramite le quali è possibile migliorare la propria esistenza.

Al tavolo, poco prima della relazione della dott.ssa Panarese, sono intervenuti il presidente dell’Uten Cesareo Putignano, il dott. Nicola Simonetti (per l’occasione in veste di relatore), il direttore generale dell’IRCCS “De Bellis” dott. Tommaso Antonio Stallone ed il dott. Roberto Di Paola, direttore sanitario del suddetto IRCCS.

La dott.ssa Alba Panarese ha relazionato circa l’importanza della prevenzione nella popolazione per favorire il contrasto e l’adeguata cura delle patologie a carico del tratto gastrointestinale.
01 27 prima conferenza medico scientifica uten 2020Riportando alcuni dati, ormai noti, relativi all’incidenza e alla mortalità dei vari tipi di tumori che variano a seconda del sesso uomo/donna, ha posto una lente di ingrandimento sui tumori del colon retto e del pancreas, che colpiscono indistintamente uomini e donne dando un’elevata mortalità. Sono classificati al terzo posto, dopo neoplasie a carico di prostata e polmoni per l’uomo e seno e polmoni nella donna.

Per esempio, per il tumore del colon - retto, ad oggi è prevista la diffusione di kit (saranno distribuiti gratuitamente in farmacia) a soggetti di età compresa tra i 50 e 69 anni, con il quale rilevare la presenza di sangue occulto nelle feci e successivamente se positivo rivolgersi ad un medico per procedere con analisi più dettagliate, come colon e gastroscopia.

Importante, nella prevenzione generale adottare delle buone pratiche alimentari, seguendo una dieta mediterranea, praticare sport giornalmente, identificare precocemente eventuali rischi ambientali e genetici e rilevare infezioni croniche come da Helicobacter pylori. Stando alle statistiche attuali, ci sono circa 7 decessi l'anno, ma senza l'utilizzo di una buona arma preventiva, i numeri tenderanno progressivamente ad aumentare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA