Stampa
In: Fede

11 24 SantaCecilia 1NOCI- (Bari) - La festa di Santa Cecilia, patrona della musica e dei musicisti, anticipa di quasi un mese il Natale, facendone un po’ pregustare il clima di gioiosa allegria. Lo scorso 22 novembre, come di consueto, Noci ha reso solenne omaggio alla Santa e lo ha fatto proprio attraverso i musicisti membri della banda cittadina “Santa Cecilia-G. Sgobba”.

11 24 SantaCecilia 2A partire dalle 18:00, la banda diretta da Giacomo Lasaracina e presieduta da Vittorio D’Onghia, ha percorso le vie principali del paese, inondandole di quella gioia che solo la musica riesce a trasmettere. Quest’anno, è stata la Chiesa di San Domenico ad ospitare il concerto bandistico al termine della Santa Messa delle 18:30.

L’Omelia di Don Vito Gentile è stata incentrata sulla saggezza di Maria e sulla gioia che Santa Cecilia sprizzava; una gioia che trovava sua piena espressione anche e soprattutto attraverso la musica, che può considerarsi benissimo una forma di preghiera. Come da tradizione, sono stati benedetti i musicisti e i loro strumenti. Al termine della benedizione ha avuto inizio il concerto, che ha previsto l’alternarsi della musica religiosa a quella non propriamente sacra, ma comunque molto soft e dal forte potenziale spirituale.

Un concerto non solo strumentale, ma anche impreziosito dalle splendide voci di Roberta Liuzzi e Stefania Gabriele.

Questa la ricca scalletta dei brani eseguiti:

-Omaggio a Noicattaro marcia sinfonica di G. Inglese

-Pacem in terris di Mons. Frisina

-GABRIEL'S OBOE di Ennio Morricone
Oboe solista Rocco Fauzzi

-NUOVO CINEMA PARADISO di Ennio Morricone
-MI RIALZERAI RnS
(con le voci di Stefania Gabriele e Roberta Liuzzi)
-MEMORY di Rob Ares
Tromba solista Vittorio D'Onghia
-STAI CON ME RnS con le voci di Stefania Gabriele e Roberta Liuzzi
-AIR NOSTALGIQUE di Ted Huggens
Sax contralto solista Francesco Delfine
-UN'ALA DI RISERVA preghiera di Don Tonino Bello e musicata da don Giosy Cento cantata da Giacomo Lasaracina Stefania Gabriele e Roberta Liuzzi
-NESSUN DORMA da Turandot di G. Puccini