Stampa
In: Fede

29 03processionedeimisteriNoci - Il 28 marzo si sarebbe dovuta svolgere in occasione della Domenica delle Palme un’edizione particolarmente importante della Processione dei Misteri, a venticinque anni dalla sua ricomparsa nelle tradizioni della Settimana Santa nocese. Per il secondo anno consecutivo non sarà possibile svolgere questa pia pratica, ma non stanno mancando dei piccoli segni che il Comitato Parrocchiale Processione dei Misteri e la Chiesa Madre hanno voluto prevedere, rinviando le celebrazioni per l’anniversario dalla rifondazione ai prossimi anni.


03 29statueprocessionedeimisteriNon è la prima volta che l’evento religioso attraversa una fase di sospensione. La crisi pandemica in atto ha impedito lo svolgimento delle edizioni 2020 e 2021, ma questa antica tradizione ha subito un’altra ben più lunga interruzione. Infatti, sino agli anni ’70 del secolo scorso le antiche statue dei Misteri, custodite dalle confraternite nelle rettorie del centro storico, attraversavano il paese il Venerdì Santo. Successivamente per quasi un ventennio è sembrata perdersi definitivamente questa consuetudine. Ma nel 1996 Nicola Angiulli, Cosimo Scarano, Melino Mastropasqua e Nicola Matarrese accolsero l’invito di don Carmine Chiarelli a curare la processione dell’Addolorata, la cui statua era rimasta l’unica ad essere portata in processione nella Settimana Santa, oltre al Cristo di Casaboli. L’anno successivo i quattro suddetti fondarono per volontà dell’arciprete Novembre il Comitato dei Misteri. La processione dell’Addolorata a partire da quel momento fu arricchita con il ripristino delle antiche immagini dei Misteri. Per 25 anni c’è stata una continua crescita di questa storica esperienza di fede e di tradizione. Alle 3 originarie sculture se ne sono aggiunte progressivamente tante altre, che il Comitato ha commissionato negli anni al cartapestaio leccese prof. Di Donfrancesco. Nell’ultima edizione del 2019 la processione si componeva di 13 statue condotte da ben 150 donne e uomini.
Nel corso della sua pluridecennale vita il Comitato Parrocchiale Processione dei Misteri si è occupato anche di promuovere il restauro di alcune statue e di contribuire alla cura della Chiesa di Santa Chiara, luogo in cui gran parte di esse sono custodite. Non è mancato il sostegno ad opere di carità promosse dalla comunità parrocchiale della Chiesa madre, di cui il comitato è parte integrante. «La pietà popolare è un dono da custodire nella comunità e con la comunità» dichiara a questo proposito don Stefano Mazzarisi, che ringrazia il Comitato Parrocchiale Processione dei Misteri «anche per questa custodia».
03 2925anniprocessionedeimisteri«25 anni dalla rinascita – continua l’Arciprete, commentando l’anniversario - che in realtà sono stati 25 anni di un rinascere, che nel servizio, nel coinvolgimento e nell’obbedienza alla vita, continua». Per celebrare nei limiti consentiti la ricorrenza, è stata alternata l’esposizione in Chiesa Madre, nel corso della Quaresima, di alcune delle statue dei Misteri. È stato anche realizzato un video commemorativo che è possibile visionare sulle pagine Facebook della parrocchia e del Comitato. Lo stesso ha inoltre predisposto una rappresentazione in miniatura della processione, dono di Gianni Morea, presso la vetrina sita in Piazza del Plebiscito 1, nei pressi della chiesa di Santa Chiara. Dei “santini” da collezione sono infine il ricordo che ciascuno può portare con sé di questa remota e rinnovata tradizione nocese.