Stampa
In: Internet e TV

03 19homeplimpiadi2020NOCI (Bari) - Tre anni fa le Olimpiadi di Toritto. L’anno scorso quelle di Nochi 2019. Quest’anno è la volta di Homelimpiadi 2020, i giochi olimpici casalinghi, dal risvolto goliardico, istituiti con una doppia finalità: combattere la noia e aiutare il Policlinico di Bari.

In tempi di lotta e contrasto al contagio da Covid-19, mentre tutti sono (o dovrebbero essere) chiusi in casa al fine di contenere la diffusione del virus, Noci si dichiara presente e lancia subito una sfida agli assidui Instragramers. Homelimpiadi 2020 è nato da pochissimi giorni e invita tutti gli atleti d’Italia, e perché no anche del mondo, ad impegnarsi nelle diverse discipline casalinghe. È vero, durante le Olimpiadi precedenti la neve e le diverse condizioni atmosferiche consentivano una più vasta scelta di ambientazioni e una più ampia inventiva, ma siamo sicuri che adesso, in casa, circoscritti da poche mura (fortunato chi è in villa o campagna) non sarà poi così difficile.

Le gare si svolgeranno in casa: che tu sia al chiuso o all’aperto non importa, l’importante è che faccia trasparire l’idea di voler far ginnastica, sport in maniera goliardica. Sulla pagina Instagram circolano già alcuni video: c’è chi tenta di giocare a tennis affacciandosi al balcone, chi si impegna con gli addominali agguantando un pezzo di pizza e chi fa dei propri fornelli una consolle.
Ma qual è il vero risvolto di questa invenzione? La solidarietà. L’aver lanciato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma gofundme.com dedicata. Tutto il raccolto sarà destinato al Policlinico di Bari, ente ora alle prese con la lotta contro il Coronavirus.

La campagna dovrà necessariamente diventare virale: l'appuntamento è sui social, o meglio su Instagram. Basterà inventarsi un video da girare in casa, postarlo sul social di riferimento, taggare Homelimpiadi.2020 ed effettuare una donazione collegandosi qui. Non ci resta che cogliere l’invito dei giovani nocesi Angelo Laera, Francesco Degiorgio, Giuseppe Guagnano, Gianpiero D'onghia, Rocco Amati cui è venuta questa geniale idea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA