Stampa
In: Libri

03-05scrivoanchio2013NOCI (Bari) - Il concorso "Scrivoanchio - antologia di giovani scrittori in rete" continua a coinvolgere ragazzi nocesi. La quarta edizione del concorso raccoglie infatti numerosi partecipanti e fra i tanti la giovane sedicenne Leone Mietta Cosima, in gara per rientrare fra i primi venti finalisti nella categoria "Racconti". Mietta frequenta il Liceo Classico Majorana-Laterza di Putignano e, come lei, tanti altri ragazzi della stessa scuola hanno deciso di iscriversi al concorso per partecipare, alcuni nella sezione "Racconti", altri nella sezione "Poesie".

Già l'anno scorso con Noci24 avevamo seguito l'esperienza di Rita Trisolini; quest'anno accogliamo con piacere le novità di nuovi ragazzi che continuano ad apprezzare l'opportunità che il concorso regala.

Non ho paura del buio, questo il titolo del racconto che Mietta ha voluto proporre per partecipare al concorso. Giovane, inesperta e con tanta voglia di vivere la vita, la protagonista del racconto di Mietta è una ragazza che si ritrova a dover raccontare la sua triste esperienza: l l'esperienza di una violenza fisica che la porta a compiere un gesto orribile e che il lettore mai si aspetterebbe di scoprire alla fine del racconto. Mietta sceglie così un argomento attuale, mai dimentica ma del quale bisognerebbe parlarne in continuazione: la violenza delle donne e l'arroganza di alcuni uomini, a volte ancora ragazzi.
 
Attualmente Mietta rientra fra i primi posti in classifica e fino alla fine di marzo sarà possibile votarla accedendo nella sezione apposita. Inoltre, come è giusto che sia, prima di esprimere una votazione è possibile leggere il suo elaborato ed analizzarlo collegandosi direttamente su questo link. Insomma, ancora una volta a gareggiare per questo lodevole concorso è una giovane ragazza del nostro paese che ha tanta voglia, come scrive anche lei nella sua descrizione pubblica, di "leggere, scrivere, giocare, cantare nonostante la voce stonata, ascoltare musica (nobraino, coldplay, fabrizio moro, fabrizio de andrè..) scarabocchiare, raccontare freddure, far sorridere, guardare film, montare video, ballare, ascoltare, preparare dolci, andare al cinema, politicare, sognare". Aiutiamola a superare questo primo step che potrebbe portarla fra i primi 20 finalisti del concorso Scrivoanchio 2013.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA