Stampa
In: Musica

05 30 ci vorrebbe un piano d elia sarnoNOCI (Bari) - “Ci vorrebbe un piano…”: questo il titolo del concerto di beneficenza organizzato dalla scuola secondaria di primo grado L. Gallo insieme all’ associazione "Genitori e… simpatizzanti" del 1° circolo Positano. Presso il Chiostro delle Clarisse, infatti, domenica 27 maggio si sono esibiti i docenti delle classi del percorso di strumento della scuola Gallo con l’ obiettivo di raccogliere fondi per l’ acquisto di un pianoforte.

“Questo è un sogno” - ha dichiarato la presidente dell’ associazione “Genitori e… simpatizzanti Comprensivo Gallo-Positano”, Marta Dongiovanni - “e come associazione di sogni ne abbiamo realizzati tanti”. Il pianoforte, dunque, si configura per gli studenti, per i docenti, per i genitori e per gli affezionati alla scuola come un vero e proprio sogno, che ha bisogno dell’ aiuto di tutta la comunità per essere realizzato.

In tale direzione, infatti, si è mosso il concerto tenutosi la scorsa domenica, che ha visto i docenti del percorso di strumento della scuola media05 30 ci vorrebbe un piano ostuni simone Gallo esibirsi per una raccolta fondi finalizzata proprio all’ acquisto del pianoforte. Nell’ aria del Chiostro delle Clarisse, dunque, hanno danzato le note dei clarinetti di Angelo Giodice e di Vito Spinosa, del pianoforte suonato da Daniele Sarno, Nancy Conforti, e Isabella Fortunato, della voce di Rosalia Schettini, del flauto traverso di Catia D’ Elia e di strumenti anche poco conosciuti dai più come la tiorba di Pierluigi Ostuni e la viola da gamba di Gaetano Simone. Di diversa estrazione anche i brani in scaletta, che dalla musica rinascimentale a quella moderna, dall’ opera al jazz, dalla tradizione alle colonne sonore hanno saputo intrattenere e dilettare il pubblico in sala. Ortiz, Marais, Tosti, Gaubert, Piazzolla, Itturalde, Cornick, Puccini, Williams e Bolling i nomi degli autori dei brani eseguiti, che testimoniano sia la varietà di generi sia quella di culture che si sono susseguite durante il concerto.

Pur avendo avuto successo, la raccolta fondi non è terminata con la manifestazione della scorsa domenica: chi volesse sostenere l’ acquisto del pianoforte potrà ulteriormente farlo con una donazione all’ associazione tramite bonifico bancario oppure donando il 5x1000 in occasione della dichiarazione dei redditi.

05 30 ci vorrebbe un piano schettini conforti

© RIPRODUZIONE RISERVATA