Stampa
In: Musica

08 21 Bobo Rondelli in concerto a Noci 01NOCI (Bari) – Classe 1963, livornese, cantautore e attore, indubbiamente performer è questo l’esatto profilo di Bobo Rondelli, ospite della seconda serata della decima edizione del BucoBum Festival.

Roberto Rondelli, conosciuto come Bobo, ha letteralmente invaso e pervaso con la sua personalità e la sua musica, la Piazza principale di Noci, lo scorso lunedì 20 agosto.
08 21 Bobo Rondelli in concerto a Noci 02Con una voce ruvida e al contempo dolce, contrastata da un atteggiamento da palcoscenico irrequieto ed istrionico, Rondelli ha regalato al numeroso pubblico momenti di autentica riflessione sulle più ampie ed attuali tematiche come l’inusuale e sottile ragionamento operato sulla parola “violenza”, che talvolta ci porta ad un utilizzo spropositato della termine stesso.
Lo spirito libero del cantautore così come la sua spiccata sensibilità la si è percepita nei testi cantati, che a lungo hanno parlato di Amore ed incontri, la sua ironia, invece, ha divertito l’intero pubblico in particolare in quella canzone- dialogo immaginaria tra il cantante e il lirico Bocelli, dal titolo “LA Chiappona “, in cui esprime tutta la sua speranza nel poter sbarcare il lunario ed avere il tanto ambito(?) successo.
Che Bobo Rondelli fosse una mente ecclettica questo se ne è largamente avuto conferma durante il concerto, quello che però ha sorpresa in maniera favorevole il pubblico è stata la volontà di non estraniarsi completamente dalla realtà, infatti non si è in alcun modo sottratto a criticare il mondo politico e a quanti praticandola, offrono gesti molto distanti dalle famigerate parole che pronunciano su ogni piattaforma d'informazione.
Tante le canzoni recitate e cantate sul palco da Rondelli estratte dai suoi 11 album tra cui: La Marmellata, Soffio d’angelo, Vitelloni, Nara F., Madre, Per amor del cielo e Hawaii da Shangaii; a queste opere musicali ha aggiunto alcune cover dei brani più famosi della musica italiana.
08 21 Bobo Rondelli in concerto a Noci 03L’associazione BucoBum ha anticipato il profilo artistico e umano di Bobo Rondelli, a quanti, il 19 agosto hanno voluto visionare sulle scale della stazione ferroviaria di Noci il docu-film “L'uomo che aveva picchiato la testa”, di Paolo Virzì. L’opera cinematografica di Virzì rende Rondelli protagonista della propria storia e fautore del proprio autoritratto, attraverso immagini di concerti, di esibizioni e di una normale vita scorsa tra i vicoli livornesi, oltre a raccontare quelli che sono i legami tra il cantante e la gente, la “sua”.
La scelta dell’ associazione Bucobum per il suo decimo festival si è rivelata come sempre sorprendente, originale e fuori dagli schemi della “moda musicale” e poi chissà se questo palcoscenico porterà a Rondelli lo stesso successo, che hanno avuto i suoi predecessori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA