Stampa
In: Musica

03 24marianocasulliNOCI (Ba) – Mariano Casulli, ex collaboratore di Noci24.it è una scoperta di nuovi talenti per la nostra cittadina.  Professionalmente realizzato come tecnico della riabilitazione psichiatrica è, anche, particolarmente appassionato di arte, cultura e tutto ciò che mette in evidenza l’estro di una persona.

(foto: Miriana Polignano)

In debito con la musica, Mariano, decide di restituirle ciò che gli è stato offerto nel tempo. La spontaneità caratterizza “Ottobre”, “partorita” durante un pomeriggio del medesimo mese. Il primo esordio del cantante emergente è visibile sulla piattaforma Youtube dallo scorso giovedì 21 Marzo 2019.
La canzone racconta un vissuto negativo da parte del protagonista a causa di “stereotipie e manierismi” – sostantivi attribuiti dallo stesso Mariano -. Questi ultimi dettano, perciò, l’allontanamento del personaggio dalla persona e/o cosa amata, costringendolo ad una continua ricerca di ciò che è perso affinché possa tornare indietro.

ASCOLTA IL SINGOLO: OTTOBRE

Per conoscere meglio Mariano Casulli, l’abbiamo incontrato porgendogli alcune domande.

Com’è nata la passione per la musica?

“Quando ero piccolo, a casa di nonna, pentole, coperchi e cucchiaio di legno diventavano la mia batteria. Era lì che cominciavo a sognare. Poi è arrivata la prima chitarra, regalo dei miei genitori, che ringrazio. Ad essa si sono susseguite le mie prime lezioni individuali; poi ho proseguito come autodidatta. Dalla musica nascono le mie parole. Dalla musica nasce la mia forma d’arte; il mio modo d’esprimermi. Dalla musica subentra la mia voglia di cantare.”

Qual è il genere musicale in cui ti rispecchi?

“Non mi rispecchio in generi musicali. Penso, però, che il cantantaurato italiano sia la mia ispirazione.”

C’è qualcuno che, inizialmente, ti ha supportato o ostacolato in questa avventura?

03 24ottobremarianocasulli“Quando si è circondati da persone che ti vogliono bene non si viene affatto ostacolati, bensì supportati. Colgo, infatti, l’occasione per ringraziare i miei genitori, mio fratello e la mia ragazza. Niki Intini per lo studio Vinyl Sound che ha registrato e prodotto il brano, Elisabetta Lenoci e Angelo Mottola rispettivamente sceneggiatrice e regista del video, i due attori Claudio Carrino ed Antonella Liuzzi, Miriana Polignano per le significative fotografie, Maria Chiara Lasaracina che ha perfezionato le mie prestazioni canore, Claudia Amatulli (per aver prodotto la grafica che ha accompagnato l'uscita del singolo - vedi foto a lato) ed infine, i musicisti Donatello Notarnicola al basso e Giacomo Monopoli alla tastiera”.

Quando un’artista, secondo te, può essere definito tale?

“Secondo me, un’artista è colui che riesce ad esprimere se stesso qualunque cosa lui faccia. Per me chiunque potrebbe essere un’artista; l’importante è esprimere se stessi ed arrivare alla gente comune”.

Pensi che i social siano una valida scorciatoia per ottenere visibilità?

“In questi giorni mi interrogavo su come i grandi cantanti del passato abbiano raggiunto successi, anche internazionali, senza l’aiuto dei social o di internet. Credo, comunque, che oggigiorno questi ultimi debbano essere utilizzati, seppur in maniera adeguata, per esprimersi e farsi conoscere”. 

Perché il pubblico dovrebbe seguirti e supportarti?

“Semplicemente perché potrebbe trovare interessante ciò che faccio. Se il pubblico mi segue, significherebbe che condivide il mio modo di esprimermi e di pensare”. 

Dobbiamo aspettarci nuovi singoli o, addirittura un CD?

“Ottobre, a dir la verità, è stata la prima canzone ad esser pubblicata ma, non la prima ad esser stata scritta. Sto lavorando a qualcosa di concreto, infatti, vorrei realizzare un EP (extended play) entro il prossimo autunno, contenente non solo inediti ma anche Cover come bonus track”.

Che aspettative avresti per il tuo futuro?

“Che la musica continui ad essere parte integrante della mia vita!”

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA