Stampa
In: Storia locale

09 08luciadilauroNOCI (Bari) – Ha avuto luogo, lo scorso 6 settembre nel chiostro delle clarisse, la manifestazione conclusiva della 14° edizione del “Premio Noci per la storia locale”, relativa al biennio 2016-2017. Come già annunciato tramite comunicato stampa dal dott. Giuseppe Basile, direttore della biblioteca comunale di Noci che da tempo si occupa di dare lustro e promuovere questo straordinario concorso, l’occasione è stata appositamente creata per premiare i lavori decretati vincitori e segnalati dall’apposita commissione giudicatrice.

09 08giuseppebasileBasile, segretario della commissione giudicatrice, è stato affiancato per l’occasione dal sindaco Domenico Nisi, presidente, Domenico Blasi (direttore del Gruppo Umanesimo della Pietra di Martina Franca), Rita Caforio (direttrice della biblioteca comunale di Latiano), Pietro Sisto (docente di letteratura italiana presso l'Università degli studi di Bari) e Giuseppe Poli (docente di storia moderna presso l'Università degli studi di Bari).

A ritroso, è stato possibile conoscere gli autori dei vincitori di tutte le categorie. A salire per primi sul palco degli alunni delle classi IV A e IV B (a.s. 2016-2017) della Scuola primaria “Cappuccini”, I.C. Pascoli–1° Circolo di Noci (Noci: Scuola primaria “Cappuccini”, 2017 vincitori della 3° sezione “Giulio Esposito”, riservata ad articoli o brevi opere su Noci redatti da giovani fino ai venti anni e autori dell’opera “I nostri nonni e le tradizioni: viaggio nel passato alla scoperta delle tradizioni di Noci”. Con loro ha ritirato il premio il Dir. Giuseppe D’Elia.

09 08bambini3sezione
Numerosi riconoscimenti sono stati invece quest’anno riservati a chi ha voluto partecipare con i propri elaborati all’interno della seconda sezione destinata a opere sulla storia dell’area circostante a Noci. Il premio è stato riconosciuto al lavoro “Agricoltura e industrie indotte in Puglia tra Otto e Novecento: benemeriti, cavalieri del lavoro, imprenditori e aziende agricole” (Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane, 2017) di Franco Antonio Mastrolia.

09 08mastrolia09 08segnalazionesecondopremioLa giuria ha poi voluto segnalare altre due opere appartenenti alla seconda sezione ovvero "Impastare e rimediare. Arte culinaria ed economia domestica d'altri tempi: il 'ricettario' consunto e integrato dell'archivio Lenti" a cura di Mariella Intini e Mariarosaria Lippolis e "Polvere e Ombre: una storia lunga 100 anni" di Giacomo Spinelli.

Il premio principale, appartenente alla prima sezione, è stato consegnato a Lucia Di Lauro ed Emilia Pellegrino (foto d'apertura) per l'egregio lavoro su "Il restauro del campanile della Chiesa Matrice di Noci: storia, progetto e restauro". Altra opera segnalata dalla giuria "Canzone quatrigli'e brìnnese in dialetto di Noci" di Vittorio Tinelli, opera importante perché rispolvera ancora una volta l'affascinante poesia in vernacolo nocese.


L’intera manifestazione è stata arricchita dagli interventi musicali della "Méditerranée Clarinet Ensemble", diretta dal maestro Antonio Tinelli, il quale non ha perso occasione per anticipare che il Concorso Internazionale di Clarinetto “Saverio Mercadante” si terrà a Noci dal 18 al 21 ottobre 2018. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA