Stampa
In: Ricerche e studi

11 18 Pasquale CordascoMARTINA FRANCA (Taranto) - Il notaio Arcangelo RINALDI, presidente dell’Ufficio di Segreteria del Premio Umanesimo della Pietra per la Storia, edizione 2015, il 26 ottobre ha effettuato lo spoglio delle schede inviate presso il suo studio dai componenti della Giuria popolare e, conteggiate le duecentoquattro preferenze attribuite a diversi studiosi, ha dichiarato vincitore il professor Pasquale CORDASCO.

Il premio consiste nella comunicazione ufficiale della scelta della Giuria popolare in una pubblica cerimonia, programmata per sabato 21 novembre alle ore 19.00 presso la Sala Consiliare del Palazzo Ducale di Martina Franca, nel corso della quale il professor CORDASCO terrà una conversazione e riceverà il multiplo d’arte in bronzo La Voce della Storia, realizzato nella fonderia del commendatore Giuseppe BELLUCCI.

Pasquale CORDASCO è nato ad Acquaviva delle Fonti il 9 luglio 1949. È professore associato di Diplomatica presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Bari e dal 2011 è direttore del Centro Studi Normanno-Svevi dell’Università di Bari. Svolge la sua attività di ricerca soprattutto intorno alla produzione documentaria del Meridione medievale, provvedendo, anche, al riordino e alla sistemazione archivistica dei fondi conservati in numerosi archivi pugliesi. Fra i lavori scientifici più significativi si ricordano diverse edizioni critiche di documenti, inserite nel Codice Diplomatico Pugliese e nella raccolta delle Chartae Latinae Antiquiores. Negli ultimi anni ha prodotto alcuni studi su documenti inediti di età sveva e angioina dell’Archivio Arcivescovile di Trani.

Il Gruppo Umanesimo della Pietra ha plaudito all’autonoma scelta della Giuria popolare del Premio, assegnato nelle precedenti diciassette edizioni agli storici Cosimo Damiano FONSECA, Angelo MASSAFRA, Pasquale CORSI, Francesco Maria DE ROBERTIS, Giosuè MUSCA, Rosario JURLARO, Pina BELLI D’ELIA, Raffaele LICINIO, Giorgio OTRANTO, Clara GELAO, Roberto CAPRARA, Cosimo D’ANGELA, Andreas KIESEWETTER, Mario SPEDICATO, Gioia BERTELLI, Vito Antonio LEUZZI e Hubert HOUBEN.

© RIPRODUZIONE RISERVATA