Stampa
In: Ricerche e studi

fotoNOCI (Bari) - Con la delibera di giunta n.22 del 3 Marzo 2017, è stata accettata all’unanimità l’istanza mossa dal Centro Studi sui Dialetti Apulo-Baresi che proponeva l’istituzione di un proprio fondo all’interno della biblioteca comunale “Mons. A. Amatulli”. Questo fondo, fruibile dal pubblico a partire dal mese di Luglio circa, sarà costituito, come si legge nell’istanza firmata dal professor Mario Gabriele, per fare contro alle “difficoltà oggettive che impediscono una maggiore diffusione e conoscenza delle ricerche linguistiche, folcloriste e antropologiche” effettuate dal centro stesso.

Il fondo, come ci preannuncia lo stesso presidente del Centro Studi, Mario Gabriele, sarà suddiviso per argomenti: saranno presenti una sezione linguistica, una folcloristica, una saggistica, una poetica e narrativa e non mancheranno la sezione sonora e quella audiovisiva. Sarà possibile, per la cittadinanza, consultare il fondo esclusivamente in loco per la preservazione dello stesso (come già avviene per la Sezione Locale della nostra biblioteca comunale), mentre potranno essere date in prestito le numerose pubblicazioni del Centro Studi. Il tutto, come affermato in precedenza, sarà consegnato alla biblioteca comunale entro la prima metà di Luglio, la quale vedrà il proprio patrimonio arricchito anche da un nuovo dizionario dialetto-italiano e italiano-dialetto, a cui saranno aggiunti numerosi nuovi lemmi rispetto all’edizione precedente.

In conclusione, il presidente del Centro Studi sui dialetti Apulo-Baresi ha voluto ringraziare, per la sensibilità e disponibilità culturale nell' accettare l’istanza, il direttore della biblioteca Giuseppe Basile, la giunta e il Sindaco Domenico Nisi, che ha ringraziato a sua volta, a nome di tutti i nocesi, il Centro per il grande dono messo a disposizione per la cittadinanza. Parole di ringraziamento sono state pronunciate anche dall’Assessore alla cultura Lorita Tinelli, che ha dichiarato: “Ringraziamo il Centro per aver deciso di donare alla nostra Biblioteca pubblicazioni, documenti e altro materiale in suo possesso, mettendolo a disposizione di tutta la comunità e soprattutto dei più giovani, ai quali le nostre tradizioni, anche linguistiche, vanno trasmesse, affinché questo grande patrimonio non vada disperso”.

Essendo il fondo ancora in costituzione, si invitano tutti coloro che detenessero materiale audiovisivo o letterario in dialetto e che volessero contribuire al fondo a contattare il presidente del Centro Studi sui dialetti Apulo-Baresi, Mario Gabriele.

© RIPRODUZIONE RISERVATA