Stampa
In: Ricerche e studi

09-04-settembre-santa-chiara-smallNOCI (Bari) - A Noci giovedì 5 settembre 2013, alle ore 18,45 presso il Chiostro delle Clarisse in via Porta Putignano n. 18, si apre la dodicesima edizione del ciclo di conversazioni storiche “Settembre in S. Chiara”. Riccardo Riccardi, giornalista, storico, autore del volume “Una famiglia borghese meridionale : i Porro di Andria”, si occuperà di “Figure della borghesia agraria nel Barese tra 18° e 20° secolo”. Seguirà la conversazione di José Mottola, presidente del Centro culturale “Giuseppe Albanese”, sul tema “Noci tra spirito d’impresa e asiento: appunti per una storia da scrivere”. L’incontro, coordinato dal direttore della Biblitoeca comunale Giuseppe Basile, sarà chiuso dall’indirizzo di saluto di Domenico Nisi, sindaco di Noci.

Prende l’avvio giovedì 5 settembre a Noci la dodicesima edizione di “Settembre in Santa Chiara”, organizzato dal Centro Culturale “Giuseppe Albanese” di Noci, in collaborazione col Comune di Noci e la Biblioteca Comunale ”Mons. Amatulli”.

Ad aprire il tradizionale ciclo di conversazioni storiche, alle ore 18.45, presso il Chiostro delle Clarisse (via Porta Putignano, 18), sarà Riccardo Riccardi, che parlerà di “Figure della borghesia agraria nel Barese dal 18° al 20° secolo” e del suo volume fresco di stampa “Una famiglia borghese meridionale: i Porro di Andria” (Rubbettino editore).

Il libro, che ricostruisce meticolosamente e con rigore scientifico la vicenda plurisecolare ed emblematica della famiglia Porro nel contesto socio-economico di riferimento, si chiude con la ricostruzione del tragico linciaggio dell’8 marzo del 1946 delle sorelle Luisa e Carolina Porro da parte di una folla abbrutita dalla fame, oltre che dalla mancanza di coscienza politica e civile (come spesso è accaduto nel Mezzogiorno con rivolte sanguinarie e utili alle forze reazionarie o prive di sbocco politico): quel massacro si colloca nella fase declinante della borghesia agraria, protagonista di una grande ascesa politico-sociale per oltre duecento anni, sia pure tra le notevoli criticità appartenenti alla questione meridionale.

Proprio sulle criticità è incentrato il secondo intervento della sera “Noci tra spirito d’impresa e asiento: appunti per una storia da scrivere”: José Mottola, presidente del Centro culturale G. Albanese, illustrerà alcune qualità peculiari dell’imprenditoria nel Regno delle Due Sicilie, persistenti dopo l’Unità anche nell’ imprenditoria di Noci e dintorni, proponendo un interessante indirizzo di ricerca.

Il sindaco di Noci Domenico Nisi porgerà il suo saluto a chiusura dell’incontro, coordinato da Giuseppe Basile, direttore della Biblioteca Comunale.

 

09-04-settembre-santa-chiara

© RIPRODUZIONE RISERVATA