Stampa
In: Fiere

12 03mostracavalliNOCI (BAri) - Si è conclusa domenica 1 dicembre 2019 presso il Foro Boario – C.da Ortolini di Martina Franca, la “64° edizione del mercato – concorso Cavallo delle Murge e dell’Asino” durante la quale si è deciso chi, tra i numerosi esemplari partecipanti, fosse il migliore nelle varie classi in gara.
La 12° mostra nazionale, a cura dell’Associazione Nazionale e Regionale Allevatori del Cavallo delle Murge e dell’Asino di Martina Franca e dell’Assessorato alle Attività produttive, ha reso protagonisti diversi allevatori nocesi.

12 02 2019 neda campionessa assoluta 64 rassegna cavalli martina francaLa cittadina nocese vanta, infatti, degli orgogliosi e soddisfacenti posti in classifica.
Per la categoria “Stalloni 30 mesi” ottiene il 1° posto sul podio Nerone, ed invece, un soddisfacente 4° posto il cavallo Nero Giardini PM, dell’Azienda Pizzarelli Matteo, entrambi preparati da Giandiego Palattella e con la collaborazione di Nicola Gentile.

Per la categoria “Puledre 30/42 mesi” primeggia ancora l’esemplare allevato a Noci e ad ottenere i primi posti in classifica sono Neda, che conquista anche il 1° posto assoluto, dell’Allevamento Sant’Angelo di Piccoli – proprietario Nicola Saponari, e, a seguire, al 2° posto, Nemesi dell’allevatore Nicola D’Onghia. Infine, il 5° posto viene assegnato alla fattrice Manila, già vincitrice della 63° edizione, dell’allevatore Mansueto Michele.

12 02 2019 nemesi 2 classificata 64 concorso cavalli martinafrancaSeppur giovane, il nocese Nicola D’Onghia, ha curato la preparazione delle puledre Neda e Nemesi e con la soddisfazione nel cuore ha raccontato:
“È stato un anno intenso, questo. Dal 14 ottobre 2018 ho lavorato con costanza e dedizione affinché raggiungessi un buon risultato e, devo ammettere che ci sono riuscito.
Negli ultimi 15 giorni, inoltre, nella nostra scuderia è arrivata Manila ed il mio collega Giandiego Palattella è stato in grado di preparare l'ex campionessa garantendole un 5° posto in classifica.
Colgo, quindi, l'occasione per ringraziare Giandiego. Il risultato raggiunto è stato anche merito della sua collaborazione e dei suoi consigli i quali mi hanno permesso di crescere e maturare come allevatore.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA