Stampa
In: Mondo del Lavoro

07 14domenicocolucciNOCI (Bari) - A Giugno 2019 è stato lanciato il Programma “Future Leaders” di ISPI (Istituto per gli studi di politica internazionale) che offre a 100 giovani talenti con meno di 40 anni del mondo delle imprese e delle istituzioni occasioni di approfondimento e dibattito sui trend di lungo periodo che influenzeranno in modo significativo gli scenari internazionali. Il programma vuole contribuire a formare una futura classe dirigente che abbia uno sguardo aperto sul mondo. Tra questi c’è anche il nocese Domenico Colucci, coofondatore della start up Nextome e gia vincitore di numerosi premi.

CHI SONO I FUTURE LEADERS
– la maggioranza ha tra i 30 e 35 anni
– Il 50% sono donne
– Provengono da oltre 70 aziende e società
– Oltre i 60% delle aziende rappresentate hanno un fatturato che supera i 100 milioni di euro (tra le altre: A2A, BonelliErede, Campari Group, Cassa Depositi e Prestiti, Edison, Enel, ENI, Ferrovie dello Stato, HP Enteprise, Leonardo, Pirelli & C., Saipem, Salini Impregilo, Snam, Tenaris, TIM, UBI Banca)

I PROSSIMI APPUNTAMENTI
Il primo incontro del 26 giugno si è focalizzato sulle sfide geopolitiche del mondo di oggi nel quale i “Future Leaders” hanno dialogato con Paolo Magri. Il secondo incontro del Programma è stato dedicato al futuro dell’impresa. Quali sono le sfide principali per i leader delle aziende di domani e come devono attrezzarsi per affrontarle? Come stanno cambiando il ruolo dell’imprenditore e il concetto di imprenditorialità? Quali sono le competenze chiave? In che modo l’innovazione sta ridefinendo i confini delle aziende, sempre più labili e complessi, e come può diventare una leva di crescita, sviluppo e sostenibilità? Nei prossimi mesi si alterneranno, tra gli altri Monica Maggioni (Amministratore Delegato, Rai Com) sul “Futuro della Comunicazione”, Nando Pagnoncelli (Presidente, IPSOS Italia) sul “Futuro della Democrazia, Giuseppe Falco (Senior Partner & Managing Director, BCG) e Giuseppe Berta (Storico, Università Bocconi) sul “Futuro dell’Impresa”.

LO STEERING COMMITTEE
Lo Steering Committee è composto da GIUSEPPE FALCO, Senior Partner & Managing Director, The Boston Consulting Group, GIOVANNA GALLÌ, Co-Head, Financial Services Practice EMEA, SpencerStuart; PAOLO MAGRI, Vicepresidente Esecutivo e Direttore, ISPI; GIAN MARIA MOSSA, Amministratore Delegato, Banca Generali; DARIO VOLTATTORNI, Executive Director, AIDAF e ANNA ZANARDI CAPPON, International Board Advisor, Loram.

"Onorato per essere stato selezionato tra i 100 giovani italiani per il Programma “Future Leaders” di ISPI - Istituto per gli studi di politica internazionale" commenta Domenico sul proprio profilo fb. "Lo scorso 26 giugno, insieme a Paolo Magri, Direttore dell’ISPI e docente di Relazioni Internazionali all' Università Bocconi, abbiamo riflettuto su come sta cambiando il mondo nel suo complesso. La sua è stata una presentazione chiara, nitida e semplice del “condominio” del mondo: ai primi piani, agli appartamenti di Europa e USA si stanno aggiungendo nuovi Paesi, i Paesi dell’Est, nuove realità emergenti che sempre più stanno spostando il baricentro del mondo da Ovest a Est. Ridisegnandone i confini mondiali. Tutto ciò, mentre gli USA pensano a come abbellire la propria casa, indifferenti a distruggere le case vicine (“American First”); e L’Europa? l’Europa, in tutto questo, è così presa dai suoi problemi interni che non ha certo tempo per partecipare alle “riunioni condominiali”, e questa storia dura ormai da dieci anni… Insomma, c’era una volta il West sì, ma oggi l’ovest sta uscendo di scena, e siamo ormai benvenuti al Sud (EST). 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA