Stampa
In: Consiglio Comunale

NOCI (Bari) - Paolo Conforti, consigliere di minoranza del Nuovo Centro Destra, rinuncia per il secondo anno consecutivo ai compensi da consigliere comunale relativi al suo mandato anche in qualità di membro della commissione gestione ed assetto del territorio. Lo aveva già fatto nel 2014 (leggi qui) invitando l'ente comunale a destinare tali somme "alle scuole del Comune di Noci per l'acquisto di materiale di cancelleria o igienico-sanitario". Lo ripropone quest'anno suggerendo la equa divisione fra i due Istituti Comprensivi nocesi.

Peccato, però, che tale suggerimento sia rimasto tale. E' lo stesso Conforti a richiamarlo nella nota protocollata l'11 dicembre scorso: "alle scuole del comune di Noci non risultano pervenuti, ad oggi, i compensi connessi alla carica di consigliere comunale cui lo scrivente ha rinunciato nell'anno 2014" auspicandosi che "per quanto possa essere possibile ed in conformità alla normativa vigente tali economie a lordo di ogni trattenuta, per l'anno 2014 e per l'anno 2015, si potrebbero destinare suddividendole in equa parte fra i due istituti comprensivi scolastici del comune di Noci"

Il gesto è sicuramente meritorio e, si legge nella nota, "non trattasi di “beneficenza personale” come qualcuno possa indurre a intendere, bensì di una rinuncia ad un compenso connesso ad una carica pubblica il cui importo deriva dai proventi di tutti noi cittadini contribuenti". Evidentemente, però, trattandosi di una rinuncia ad un compenso, a nulla può valere la indicazione contestuale fatta da Conforti nella nota di una destinazione delle somme. Meglio farebbe Conforti, come ha già fatto più volte lo stesso consigliere nei confronti dell'associazione italiana sindrome di Williams Puglia-Basilicata (leggi qui), a donare tali somme direttamente alle scuole. Il gesto avrebbe sicuramente lo stesso valore e le somme (circa 180€ per ogni istituto) potrebbero essere subito utilizzate, come auspicato, per l'acquisto di materiale di cancelleria o igienico-sanitario.

12 24 conforti

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA