Stampa
In: Consiglio Comunale

07 01 Consiglieri Morea Plantone Conforti Mezzapesa CC 28.06.2022NOCI - Si è svolto martedì 28 giugno il Consiglio Comunale, in seduta ordinaria e pubblica. Una seduta molto importante, poiché al varo della massima assise comunale è stato portato il Bilancio di Previsione 2022/24.

Prima dell’inizio dei lavori, il Presidente del Consiglio Fabrizio Notarnicola ha comunicato che è stato effettuato un prelievo dal Fondo di Riserva comunale, approvato con Delibere di Giunta Comunale n. 71 del 26 maggio 2022 (spese per servizi in occasione della consultazione referendaria del 12 giugno 2022 per euro 15mila) e n. 80 del 14 giugno 2022 (spese per componenti seggi elettorali in occasione della consultazione referendaria del 12 giugno 2022 per euro 18mila).

Il Consigliere Mariano Lippolis ha quindi voluto portare, a nome del Consiglio, gli auguri per il nuovo incarico di Presidente dell’Ais Puglia al Consigliere Giuseppe D’Ambruoso.

Si è dunque entrati nel vivo dei lavori del Consiglio, con la lettura ed approvazione del verbale della seduta del 30 maggio 2022.

AL varo quindi la verifica delle quantità e qualità delle aree libere per l’anno 2022, atto propedeutico al Bilancio, che ogni anno punta a fare una ricognizione per quanto riguarda le aree disponibili per l’edilizia residenziale e pubblica con relativa determinazione del prezzo e quelle disponibili per l’insediamento di nuove attività produttive e terziarie. Come illustrato dal Sindaco Domenico Nisi, che ha presentato il provvedimento, atteso che non v’è alcuna disponibilità di aree per attività produttive e terziarie, si rilevano aree per l’edilizia residenziale e pubbliche libere per l’anno 2022 nell’ambito del Piano di Zona 167: 0 mq in Zona Estensiva C3 comparto n. 25, 23.500 mq in Zona intensiva C1 comparto n. 3-4, 21.237 mq in Zona Estensiva C3 comparto n. 1, 905 mq (quota parte per un volume di mc 425) in Zona intensiva C1 comparto n. 15, 0 mq in Zona intensiva C1 comparto n. 11, 4.745 mq in Zona intensiva C1 comparto n. 12, 26.157 mq in Zona Estensiva C3 comparto n. 24, 7273 mq in Zona Estensiva C3 comparto n. 2, 17.237 mq in Zona estensiva C3 comparto n. 23, 11.858 mq in Zona Intensiva C1 comparto n. 5 e 19.271 mq in Zona Intensiva C1 comparto n. 14. Si è stabilito inoltre che il prezzo di cessione di ciascun tipo di area e di fabbricato, è pari a € 17,87 per le aree dei comparti n. 25-1-24-2 -23 avente i.f.t. di 0,28 mc/mq e € 42,83 per le aree dei comparti n. 3-4-15-12-11-5-14 avente i.f.t. 0,70 mc/mq, sulla base di aggiornata rivalutazione ISTAT. Il provvedimento è stato approvato all’unanimità dei presenti, con 15 voti favorevoli.

Il Sindaco Domenico Nisi ha, dunque, relazionato sulla Nota di Aggiornamento del Documento Unico di Programmazione (DUP) 2022/2024 ed il Bilancio di previsione 2022/2024: «Il Consiglio Comunale è chiamato ad approvare il principale documento di pianificazione dell’Ente, ovvero il DUP – Documento Unico di Programmazione – che vede il suo incipit nella relazione di inizio mandato e che si concluderà l’anno prossimo, con la relazione di fine mandato. Oggi siamo chiamati a discutere i programmi e gli obiettivi presentati dall’Amministrazione, tenendo presente quelle che sono le reali esigenze della cittadinanza e le risorse disponibili per soddisfarle. Infatti, punto di riferimento che ha sempre contraddistinto questa Amministrazione è stato e sarà la collettività locale con le proprie necessità e le legittime aspettative di miglioramento. Questo documento, di facile fruibilità, è sintomatico dello sforzo che tutti noi stiamo sostenendo per stabilire un rapporto più diretto con i nostri interlocutori politici, istituzionali e sociali. Comunicare in modo semplice il risultato di questo impegno ci sembra il modo migliore per fornire uno strumento di conoscenza degli aspetti quantitativi e qualitativi dell’attività svolta. Il tutto, finalizzato a conseguire gli obiettivi che il mandato elettivo ha affidato alla responsabilità politica di questa Amministrazione. L’auspicio è di poter fornire a chi legge, attraverso l’insieme delle informazioni riportate nel principale documento di programmazione, un quadro attendibile sul contenuto dell’azione amministrativa che l’intera struttura comunale, nel suo insieme, intraprende. E questo, affinché ciascuno possa valutare fin d’ora la rispondenza degli obiettivi strategici dell’Amministrazione con i reali bisogni della nostra collettività. Il programma amministrativo presentato a suo tempo è il metro con cui valutare il nostro operato. Se il programma di mandato rappresenta il vero punto di partenza, questo documento di pianificazione, suddiviso nelle componenti strategica ed operativa, ne costituisce il naturale sviluppo. Il quadro economico in cui opera la pubblica amministrazione, e con essa il mondo degli enti locali, è alquanto complesso e lo scenario finanziario non offre certo facili opportunità. Le disposizioni contenute in questo documento sono il frutto di scelte impegnative e della volontà di attuare gli obiettivi strategici, mantenendo così l’impegno che deriva dalle responsabilità ricevute». 

La programmazione 2022/2024 si concentra sulle opportunità che il PNRR produrrà sul territorio. La partecipazione ai bandi Regionali e Ministeriali, l’individuazione delle opere strategiche obiettivi del mandato amministrativo sono nella fase progettuale: edilizia scolastica e sportiva, mobilità e manutenzione delle strade, riqualificazione delle aree gioco e dei parchi ed efficientamento energetico sono solo alcuni degli anni rispetto al quale si svilupperà il lavoro dei prossimi anni. Senza dimenticare le aree sociali più delicate e fragili: bambini, anziani, disabili ai quali è necessario garantire un livello di vita sociale di qualità anche per dimenticare i mesi in cui hanno sofferto più di ogni altro. «La pandemia, purtroppo, non è finita – ricorda il Sindaco, – e anche quando lo sarà, si avrà a lungo a che fare con le sue conseguenze, la coesione sociale sarà messa a dura prova per le conseguenze economiche e sociali che si ripercuoteranno per anni sulla crescita del nostro Paese, il nostro impegno sarà quello di accompagnare la rinascita socio culturale e la ricostruzione della socialità adeguandoci alle nuove esigenze che sono emerse». La vera sfida sarà, dunque, quella di essere reattivi e pronti per cogliere le opportunità e le risorse che potranno rendere concreti i progetti e le azioni a beneficio del territorio e dei cittadini. Sotto questo punto di vista il lavoro è già stato avviato e l’attività è intensa.

Il Sindaco ricorda quindi alcuni risultati raggiunti in materia di politica tributaria: le aliquote relative all’IMU e all’addizionale IRPEF sono rimaste inalterate; mentre, per quanto riguarda l’occupazione di suolo pubblico, si è andati incontro all’esigenze di quelle categorie economiche che maggiormente sono state colpite dalla pandemia (ristorazione, bar, gelateria, pasticceria ecc.) concedendo un abbattimento del 25%, grazie anche al lavoro di raccordo fatto dall’Assessore alle Attività Produttive Natale Conforti.

L’annualità 2022, per quanto riguarda i rifiuti, sarà caratterizzata dall’avvio di una fase di sperimentazione della “tariffazione puntuale”, un sistema di contabilizzazione e misurazione puntuale del conferimento dei rifiuti da parte delle utenze domestiche e non domestiche per la frazione indifferenziata residua non riciclabile. L’obiettivo è quello di addivenire a concreti risultati di decremento della produzione di rifiuti e incremento del livello di raccolta differenziata. Il monitoraggio del territorio sarà costante, grazie al lavoro messo in campo dall’Assessore all’Ambiente Anna Martellotta con il supporto del personale di Polizia Locale e degli operatori della Navita, al fine di scoraggiare l’abbandono di rifiuti e tutelare l’ambiente. «Anche la Giunta Regionale – aggiunge il Sindaco, – accogliendo l’invito formulato da Anci Puglia, è prossima alla emanazione di un bando, per uno stanziamento complessivo di circa 2 milioni di euro, che consentirà ai Comuni che abbiano raggiunto il 65% di raccolta differenziata, di chiedere un sostegno economico per la bonifica e la pulizia delle strade extraurbane».

Altro obiettivo, che si rinnova per il 2022, è quello di continuare nel contrasto al fenomeno dell’evasione tributaria, per la quale si stima un gettito di 430.000,00 euro, al fine di garantire l’equità fiscale. I risultati raggiunti lo scorso anno sono alquanto soddisfacenti, sono infatti stati incassati ben 760.893,00 euro così ripartiti: recupero Imu anni pregressi pari a 391.588,00 euro, recupero Tari anni precedenti pari a 231.765,00 euro e recupero Tasi anni precedenti pari a 137.540,00 euro. Dal 2020 ad oggi l’ufficio tributi si è costituito in Commissione Tributaria ogniqualvolta è stato presentato ricorso dai contribuenti in materia di Imu, Tasi e Tari, a difesa del proprio operato, con le seguenti risultanze:

Le spese di contenzioso tributario sostenute alla data attuale ammontano quindi a circa 20.000,00 euro. Le spese stanziate nel bilancio di previsione per l’annualità 2022 ammontano ad 7.500,00 euro.

Per cultura e turismo, voce importante nella nostra programmazione, sono state previste risorse per 143.000,00 euro.

«Per quanto riguarda, invece, il Bilancio di previsione, strumento per eccellenza che delinea la strategia tecnico/pratica che l’Amministrazione intende perseguire, è fuori discussione il fatto che avremmo voluto approvarlo con maggiore anticipo, addirittura a gennaio, al fine di anticipare la programmazione – spiega il Sindaco Domenico Nisi. – Malauguratamente però l’aumento dei costi dell’energia e delle materie prime, ci ha costretto ad una revisione molto precisa dopo che il bilancio era praticamente quasi pronto. Questo bilancio ha presentato, sin da subito, delle complessità di tipo finanziario per ottenere il famoso pareggio di bilancio. Lo stesso governo ed altri istituti nazionali, nei giorni scorsi hanno messo in evidenza le notevoli difficoltà, da parte degli enti locali, a chiudere i preventivi perché schiacciati dal caro energia e dal repentino aumento dei prezzi delle materie prime, condizione che provoca uno squilibrio finanziario di natura corrente e capitale. La principale soddisfazione è quella di aver mantenuto in sicurezza i conti senza aumentare la pressione fiscale comunale sui cittadini con la consapevolezza che quanto è in programma potrà essere realizzato. Si evidenzia la presenza di risorse importanti da investire e utilizzare per rilanciare l’economia della città. Il criterio contabile seguito è stato quello di supportare le previsioni di entrata e di spesa con attente valutazioni, che hanno tenuto conto sia dei trend storici che delle aspettative future in modo da mantenere inalterato lo standard di qualità per i servizi erogati e per le opere pubbliche. Un punto di forza di questo bilancio è il mantenimento di tutti i servizi nonostante l’aumento dei costi già intervenuti e di quelli che quasi certamente arriveranno». 

Il Sindaco è dunque entrato nel dettaglio dei numeri. Quella al varo dell’Assise è una manovra di Bilancio che ammonta a 23.443.666,41 euro, di cui la parte corrente ammonta ad 11.575.218,09 euro, mentre la parte in conto capitale ammonta ad 8.800.248,32 euro. Gli equilibri di parte corrente e di parte capitale sono stati raggiunti, come dimostrato dall’allegato al bilancio ed attestato dall’Organo di Revisione. Per l’equilibrio di cassa, il saldo al 1° gennaio è pari a 7.304.252,18 euro, destinato a salire a fine esercizio a 7.669.747,51 euro. Analizzando la parte entrata, nel confronto con l’annualità 2021, emerge una crescita delle entrate tributarie pari a 188.655,93 euro (8.957.626,00 contro l’accertato 2021 pari ad 8.768.970,07 euro) ed un forte calo dei trasferimenti compensativi statali per 360.961,23 euro (251.751,23 contro l’accertato 2021 pari a 612.712,46 euro) legati all’emergenza pandemica. Per ciò che riguarda le singole voci di entrata, si registra un leggero calo sia dell’Imu che dell’addizionale Irpef, pari rispettivamente a 24.000,00 euro e 53.000,00 euro rispetto all’annualità 2021, mentre aumenta l’entrata per il canone unico patrimoniale stimata in 180.000,00 euro. Le sanzioni al codice della strada sono stimate in 160.000,00 euro contro l’accertato 2021, che si è attestato in 133.180,24 euro. I permessi a costruire ammontano ad 467.000,00 euro, totalmente destinati alla copertura di spese in conto capitale.

Le entrate correnti sono composte per l’87,12% da entrate tributarie, per il 4,90% da entrate per trasferimenti e per il 7,98% da entrate extratributarie. Nell’ambito delle entrate tributarie la voce più significativa è quella dell’Imu, seguita da quella della Tari. È previsto un accantonamento a FCDE per 819.636,60 euro. La manovra sulla spesa corrente prevede il mantenimento della spesa per i servizi essenziali (assistenza, scuola, trasporti ecc.), finanziati con risorse comunali e spese generali di funzionamento. La spesa corrente (11.575.218,09euro, in aumento rispetto al 2021, quando era pari a 10.120.609,80 euro) è rappresentata principalmente da acquisto di beni e servizi (7.520.205,90 euro) e spese per lavoro dipendente (2.482.261,39 euro). Per l’annualità 2022 la spesa prevista di personale è pari ad 2.482.261,39 euro, la cui incidenza sulla spesa corrente è del 21,44%. Il piano assunzionale 2022/2024 prevede importanti inserimenti di risorse umane, per ulteriormente rafforzare l’azione avviata nel biennio precedente, dopo le riduzioni del passato dovute ai pensionamenti e alle norme che hanno imposto il blocco del turn over.

Di forte impatto il programma triennale delle opere pubbliche che prevede, nel solo 2022, investimenti per 8.800.248,32 euro.

«Nel complesso ritengo che sia un buon bilancio, a cui si arriva con grande sforzo ed impegno, in una fase ancora molto complicata con tutte le conseguenze collegate all’emergenza sanitaria ed alla guerra in corso. Non era affatto scontato che si riuscisse a chiudere un bilancio che difende tutti i servizi ed espande gli investimenti in questa fase senza aumentare tasse e tariffe. D’altronde governare significa prendersi responsabilità e fare scelte. Il mio apprezzamento per la stesura di questo documento va a tutti gli uffici, Assessori e Consiglieri Comunali, per aver saputo raccogliere ed assemblare le indicazioni e le scelte dell’Amministrazione, ed all’Organo di Revisione per l’ottimo lavoro svolto» ha concluso il Sindaco.

Alla relazione del Sindaco è seguita ampia e articolata discussione, che ha visto intervenire i Consiglieri Stanislao Morea, Vito Plantone, Paolo Conforti e Fortunato Mezzapesa, oltre che l’intervento del Vicesindaco Rocco Mansueto. Al termine della discussione la Nota di Aggiornamento del Documento Unico di Programmazione (DUP) 2022/2024 ed il Bilancio di previsione 2022/2024 sono stati approvati entrambi con 9 voti favorevoli e 6 contrari.

Si passa dunque al punto successivo: la presa d’atto delle dimissioni presentate da parte del sig. Stefano Emanuele Matarrese dalla carica di Consigliere di Amministrazione dell’ASP “A.M. Sgobba” di Noci con relativa surroga. Con votazione unanime dei presenti (15 voti favorevoli) è stato nominato quale nuovo componente il Rag. Rizzi Graziano, nato a Putignano il 13/06/1980.

La seduta è proseguita per discutere del conferimento della cittadinanza onoraria al “Milite Ignoto”. Di fatti, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ha segnalato ai Sindaci di tutti Comuni Italiani le iniziative promosse a vario titolo in occasione del centenario del Milite Ignoto e, in data 16.09.2020 il Presidente dell’ANCI ha scritto ai Sindaci dei Comuni capoluogo di Provincia per segnalare e sensibilizzare in particolare l’iniziativa commemorativa, inizialmente promossa dal Gruppo delle Medaglie d’oro al Valor Militare d’Italia, e finalizzata alla possibilità di conferire al Milite Ignoto, in ciascun Comune d’Italia, la cittadinanza onoraria. Come ha spiegato il Sindaco Domenico Nisi, l’adesione è stata forte ed estesa in moltissimi Comuni italiani: per questo, approvato un atto di indirizzo in Giunta, si è trasferita la decisione al Consiglio, che è competente in materia. Il provvedimento, dopo un intervento di adesione all’iniziativa da parte dei Consiglieri Stanislao Morea e Fortunato Mezzapesa, è stato approvato all’unanimità dei presenti, con 15 voti favorevoli.

Il Consigliere Morea ha quindi chiesto un rinvio della discussione dei punti aggiuntivi e, dunque, un aggiornamento a nuova data della seduta. Evidenziato dal Sindaco Nisi il carattere d’urgenza della proposta di variante di adeguamento del vigente PRG – Piano Regolatore Generale al PPTR – Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, è stato votato con 14 voti favorevoli l’aggiornamento della seduta a lunedì 4 luglio alle ore 18:00, per l’esaurimento dei punti iscritti dell’O.d.G:

7. Proposta di variante di adeguamento del vigente PRG – Piano Regolatore Generale al PPTR – Piano Paesaggistico Territoriale Regionale;

8. Criteri generali per la disciplina e l’autorizzazione dell’occupazione del suolo pubblico di cappotti termici per l’isolamento dell’involucro degli edifici – Atto di indirizzo.

9. Pratica SUAP n. 23594, prot. N. 0011857 del 14-02-2018 Fondazione “Mater Domini” – Progetto per la realizzazione nel Comune di Noci, in zona F3, in via Giorgio La Pira ad angolo con via Togliatti, di una Università della terza età attrezzata per corsi residenziali – Revoca della delibera del C.C. N. 32/1998 – Revoca della convenzione sottoscritta il 03-08-1998 – Approvazione della nuova convenzione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA