Stampa
In: dalla Regione Puglia
Completate le opere strutturali e definito l’aspetto esterno dell’edificio.

04 20 nuovo ospedale Monopoli 2MONOPOLI-FASANO - Il Tricolore sventola sul tetto del nuovo Ospedale di Monopoli-Fasano. Le maestranze hanno rinnovato stamane questa antica usanza detta “capocanale”, come da tradizione dei piccoli e grandi cantieri edili, per la quale issare la bandiera nazionale – oltre ad essere di buon auspicio - segna la posa dell’ultimo solaio e la conclusione delle opere strutturali, con cui il corpo di fabbrica dell’ospedale in costruzione acquista la sua definitiva forma esterna e il prosieguo dei lavori si può svolgere completamente al coperto.

Un momento fortemente simbolico al quale hanno partecipato il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, che ne ha sottolineato l’importanza (“qui stiamo costruendo il futuro della Sanità pubblica”), l’Assessore regionale alla Sanità Pier Luigi Lopalco, il Direttore Generale ASL Bari Antonio Sanguedolce, il Direttore Amministrativo ASL Bari Gianluca Capochiani e i Sindaci di Monopoli, Angelo Annese e Fasano, Francesco Zaccaria.

04 20 nuovo ospedale Monopoli

«La Puglia ha in costruzione diversi ospedali – ha affermato il Presidente Emiliano -  alcuni sono veramente a buon punto, questo di Monopoli-Fasano e quello di Taranto sopra a tutti. Questo ospedale probabilmente sarà uno dei più belli mai costruiti. E la bellezza di questo luogo mi auguro che possa essere coerente con la grande capacità sanitaria che verrà esibita qui dentro. Ci sono tanti bravissimi medici, e ribadisco il mio invito a tutti i sanitari che hanno voglia di tornare in Puglia: questo è il momento giusto, abbiamo bisogno di medici e infermieri».

«Oggi siamo la prima regione italiana per capacità vaccinale – ha aggiunto - nonostante non abbiamo gli stessi soldi dal Fondo Sanità nazionale e lo stesso personale di altre regioni. Ma siamo i numeri uno. Quindi oggi alziamo il Tricolore, ringraziando in particolare tutta la gente che sta lavorando per la nostra sanità, tutti i pugliesi, non solo i sanitari, le Asl, i distretti, i dipartimenti di prevenzione e la Protezione civile, ma anche tanti volontari. Il presidente lo si può attaccare in mille maniere, ma non attaccate queste persone che stanno lavorando. Incoraggiateli, stategli vicino, tenetevi la mano sul cuore perché non sono io che faccio le vaccinazioni, non è merito mio. Un pugliese su 4 è stato vaccinato. Quindi, evidentemente, stanno facendo tutti un ottimo lavoro, tutte le regioni stanno facendo un ottimo lavoro e stanno collaborando senza distinzione di colore politico. Insomma, non siamo certamente senza problemi – ha concluso il Presidente - ma siamo in campo e stiamo facendo la nostra parte con grande dedizione».

Per l’assessore alla Sanità Lopalco la costruzione del nuovo Ospedale «consentirà di avere ulteriori 300 posti letto utili per ampliare e ammodernare la rete ospedaliera della nostra Regione. È un’opera importante – ha rimarcato - inserita in un contesto fantastico. Bisogna sottolineare anche che questo progetto, in una situazione ambientale così delicata, non comporterà alcun impatto visivo. Dal punto di vista progettuale si tratta di un ospedale costituito da blocchi con elementi a bassissimo sviluppo in altezza, ma che consentono di avere una struttura moderna e con tutte le attrezzature che servono».

«E’ una giornata che segna un momento importante – ha sottolineato il Dg Sanguedolce – perché con la costruzione dell’ultimo solaio la struttura è completa. Adesso si andrà avanti con gli impianti, il completamento degli interni e la dotazione di attrezzature. È una struttura cruciale in questo territorio perché, quando sarà terminata, potrà assicurare tutto il fabbisogno in termini di emergenza e urgenza: è questo il compito prioritario di un ospedale di primo livello. Avremo quasi 300 posti letto, diverse sale operatorie, un Pronto Soccorso all’avanguardia con all’interno una diagnostica per immagini dedicata, la cardiologia e la radiologia interventistica. Sarò quindi un centro d’eccellenza per tutto quello di cui questo territorio ha bisogno. Nonostante il Covid, andiamo avanti con questa grande opera e la giornata di oggi ne è la dimostrazione».

Il cantiere e il cronoprogramma

Vanno avanti secondo il cronoprogramma i lavori per la realizzazione di uno dei più moderni poli ospedalieri di Puglia da 299 posti letto. Sono trascorsi circa 840 dei 1094 giorni di cantiere previsti, al termine dei quali sarà pronto il nuovo presidio destinato a servire una vasta area di territorio e di popolazione, assorbendo le attività del “San Giacomo” di Monopoli. Il cantiere procede spedito, una volta smaltita la sospensione imposta dall’emergenza sanitaria e terminate alcune opere per migliorare la logistica interna e la viabilità esterna. Ogni giorno il cantiere impiega quasi 100 maestranze, tra operai e tecnici.

Le opere strutturali e gli impianti

Oltre alle opere strutturali, già completate, i lavori procedono anche per gli altri settori: per quanto riguarda le opere provvisionali è stato completato il campo base, per le opere esterne risultano pressoché conclusi i rilevati stradali interni e l’allargamento della viabilità di accesso al cantiere. E’ in fase di avvio la realizzazione dei muretti a secco. Le opere edili riguardano la posa delle pareti esterne,  delle facciate continue (curtain wall) e delle partizioni interne in fibrogesso. Per quanto riguarda gli impianti, sono in corso di realizzazione l’impianto LPS per la protezione dai fulmini, sono state posate le tubazioni di scarico ed i corrugati sotto igloo per il passaggio degli impianti elettrici e idrici, e si sta procedendo con la posa degli staffaggi. I lavori sono costantemente seguiti dal responsabile unico del procedimento (RUP), ing. Nicola Sansolini, dai tecnici incaricati della Direzione Lavori e del coordinamento della sicurezza.  

L’opera in cifre

Il nuovo ospedale della ASL Bari sorge su una superficie pari a 17.800 metri quadri. La struttura disporrà di 299 posti letto sviluppati su tre livelli, 150 camere di degenza, 5 sale operatorie, parcheggio per 1.150 posti auto, impianti fotovoltaici e potrà servire un bacino d'utenza di oltre 260mila persone. La dotazione dell’Ospedale prevede anche 14 letti tecnici di Osservazione breve intensiva (OBI), 32 postazioni di Day service e Dialisi, un blocco parto con 3 sale parto/travaglio, 1 sala parto in acqua e 1 sala per le emergenze ostetriche (attiva h24). Rilevante l’investimento in tecnologia, in particolare per la diagnostica per immagini, che potrà contare su 10 sale con apparecchiature di ultima generazione (2 Tac, 2 RM, 2 RX, 2 mammografi, 2 ecografi), oltre a un “pacchetto” tecnologico dedicato al Pronto Soccorso, con 1 sala Tac, 2 sale RX e 1 sala ecografia. Sono previste, inoltre, 3 sale per Endoscopia, 2 sale per Cardiologia invasiva e Radiologia interventistica, più 3 sale per chirurgia ambulatoriale e 2 per la chirurgia laser.

Il quadro economico dell’opera è previsto in 114.300.000 euro, finanziati con fondi CIPE 2007-2013, FESR 2014-2020 e con altre risorse regionali, mentre l’importo del contratto di appalto è pari a 73.263.878,28 compresa una perizia di variante e oneri di sicurezza.

L’idea progettuale dell’”Ospedale in un parco”

L’edificio è realizzato su una superficie di 17,8 ettari ed è un esempio di “green architecture”, secondo l’idea progettuale dell’«Ospedale in un parco», che mira ad integrare profondamente l’architettura con la natura, al fine di restituire agli utenti la qualità ambientale che la nuova costruzione sottrarrà in parte all’area in termini di consumo di suolo, mediante un accorto inserimento ambientale e tramite l’attrezzamento paesaggistico degli spazi pubblici, percorsi ciclopedonali, aree di sosta ed il reimpianto di ulivi e carrubi monumentali. Un aspetto particolarmente curato in sede di progettazione dell’edificio, che sorge su di una “piana ulivetata”, è stata la posizione strategica fra il mare e la campagna. L'impostazione dell’intera costruzione ha inoltre privilegiato l’uso di volumi bassi confrontabili alla dimensione della chioma degli ulivi monumentali con l’obiettivo di realizzare un edificio a basso impatto non solo ambientale ma anche visivo nel rispetto degli elementi naturali che lo circondano. L’impiego dei principi della progettazione bioclimatica e di tecnologie costruttive sostenibili nella combinazione di materiali tradizionali e contemporanei rende il nuovo ospedale, oltre che ad elevata efficienza e con minimi consumi energetici, anche un ambiente confortevole per tutti gli utenti.

Il concetto di “ospedale in blocchi”

La progettazione si basa su efficacia ed efficienza dei processi di cura, di assistenza e di supporto, con una attenzione alta per la sicurezza di pazienti e operatori. La disposizione degli ambienti è stata curata anche per esaltare l’ergonomia lavorativa ed il benessere organizzativo. La struttura è formata da singoli blocchi funzionali serviti da percorsi interni. Previsto anche un polo tecnologico separato dal corpo di fabbrica principale. Il corpo principale dell'ospedale ospiterà i percorsi sanitari, gli uffici amministrativi e le zone di accoglienza; ciascun blocco funzionale si sviluppa attorno ad una delle "corti". I singoli blocchi funzionali sono serviti dai percorsi interni, che allo stesso tempo ne definiscono l'autonomia spaziale e funzionale e garantiscono l'interconnessione e lo scambio tra le varie attività. Gli impianti tecnologici sono concepiti per il massimo contenimento dei consumi energetici, grazie all'uso delle fonti rinnovabili di energia, sviluppando una visione progettuale integrata per quanto riguarda la qualità ambientale riservata agli utenti, l'efficientamento energetico, l'economicità della gestione e della manutenzione, i sistemi di sicurezza antincendio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA