Stampa
In: Giunta Comunale

10 30 ecoisola 4NOCI (Bari) – Lo scorso 21 ottobre sono partiti i lavori di ampliamento e potenziamento del centro comunale di raccolta rifiuti solidi urbani ed assimilabili sito in zona artigianale D.2 in località Vasconi. Il progetto, autorizzato con determina dirigenziale n°. 387 del 26/5/2015 ed affidato al Consorzio Stabile CONSTAP e più precisamente alla ditta Fratelli Pugliese snc di Putignano con la determina dirigenziale n°. 711 del 2/9/2015 prevede lavori per l’importo di € 197.049,53 esclusa Iva che permetteranno di ampliare e addirittura raddoppiare la superficie di estensione dell’attuale isola ecologica con l’obiettivo di potenziare il servizio di raccolta differenziata comunale.

Un intervento necessario ed indispensabile vista la situazione che permane da diverso tempo in quella zona con numerosi rifiuti di volume variabile abbandonati sul ciglio della strada in prossimità della stessa isola ecologica.

Il progetto, apprendiamo da palazzo per voce dell’assessore all’ambiente Lucia Parchitelli, prevede l’ampliamento dell’isola finanziato con fondi regionali con l’obiettivo di potenziare la raccolta differenziata. Nel progetto si pone inoltre particolare attenzione all’impatto ambientale con l’introduzione di barriere vegetali che serviranno a migliorare l’impatto acustico e visivo. La struttura verrà infine dotata di cassoni acquistati con i fondi ricevuti a seguito della premialità regionale sull’ecotassa. Pare invece che i lavori non prevedano la realizzazione dei bagni: ci dicono però che verrà realizzato l’attacco con il sistema di fognatura per collegare i bagni già esistenti. Da giugno 2013 l'area dell'isola ecologica è servita con bagni chimici presi in affitto dal Comune: finalmente si potranno contenere i costi sostenuti dall'ente per tale servizio.

ECOISOLA MOBILE – Nonostante numerosi cittadini riscontrino difficoltà nel conferimento dei rifiuti presso l’ecoisola mobile, l’assessore Parchitelli ci ha garantito che la struttura è funzionante e a volte si blocca per l’uso improprio di alcuni cittadini che sforzano l’apertura delle bocche di conferimento. Per quanto riguarda invece l’utilizzo degli scontrini rilasciati al termine del conferimento, il Comune attende l’aggiornamento dei software che permettano di incrociare i dati relativi agli ecopunti ottenuti con il calcolo della Tari per effettuare degli sconti sulle future bollette. L’assessore ci tiene a specificare però che anche se il computer dell’ecoisola mobile non rilascia lo scontrino, i dati con relativo codice fiscale identificativo del conferente vengono memorizzati e quindi non vanno persi. Speriamo.

Fotogallery