Stampa
In: Palazzo di citta'

04 06unionedeicomuniNOCI (Bari) – E’ tornata a riunirsi, a distanza di un mese dall’ultima seduta, presso l’aula consiliare del Comune di Noci, l’assemblea costituente dell’Unione dei Comuni. L’adunanza, convocata lo scorso 4 aprile 2016 cui hanno preso parte i Comuni coinvolti di Noci, Alberobello, Castellana Grotte, Putignano, Turi e Sammichele di Bari, aveva come obiettivo terminare la bozza dello statuto e la calendarizzazione delle fasi successive alla costituzione dell’Unione.

Durante l’ultima riunione dello scorso 3 marzo 2016 tutta l’assemblea aveva concluso il proprio incontro rinviando ad aprile il termine dei lavori sullo statuto: tutti i comuni, rappresentati da Sindaco, un consigliere di minoranza ed uno di maggioranza e dal proprio segretario comunale, avrebbero dovuto presentare, entro la riunione dello scorso 4 aprile, proposte di emendamenti allo Statuto: azione svolta dalla maggior parte dei Comuni presenti ma non ancora conclusa da parte del Comune di Putignano, impegnato nella vicenda che vede coinvolte, purtroppo, le sorti del Santa Maria degli Angeli.

Nonostante il rinvio della discussione sullo statuto tuttavia, durante l’incontro del 4 aprile, in cui il sindaco Nisi ha fatto ancora da padrone di casa, non è mancata discussione su quelli che dovranno essere gli ambiti a cui fare riferimento all’interno della bozza di statuto, in riferimento all’articolo numero 8: fra tutti, il Suap, la Polizia Municipale, la Protezione Civile, i servizi relativi all’ambiente e l’Ufficio Politiche Comunitarie. Argomento scottante e di maggiore discussione è stato sicuramente quello relativo alle sorti della Polizia Municipale: è indubbio infatti che nella maggior parte dei Comuni presenti il personale del suddetto corpo di vigilanza risulta essere scarso ed andrebbe recuperato in base alle potenzialità di ciascun municipio. Un fatto evidente che ha fatto scaturire un lungo dibattito fra il Sindaco Boscia di Sammichele di Bari e Longo di Alberobello.

04 06unionedeicomuni1Tecnico e significativo è stato a tal proposito però l’intervento del Presidente del consiglio comunale di Noci Morea, il quale ha dato il suo contributo invitando l’assise ad individuare immediatamente quelle che sono le priorità e le competenze da inserire all’interno dell’Statuto, che siano ovviamente conformi con la norma di previsione dell’Unione. Ed ancora, l’intervento del consigliere comunale nocese Notarnicola, il quale ha voluto sollevare, d’accordo con tutta l’assise, la necessità di acceleramento dei tempi di costituzione dell’Unione, affinché tutti i Comuni arrivino preparati in occasione della scadenza dell’approvazione del bilancio. Presente per l'occasione anche il consigliere comunale nocese Lobianco. Ancora una volta, da pare del Sindaco Boscia di Sammichele, l’interesse nel capire come sarà strutturato l’organigramma dello Statuto.

La Seduta è stata rinviata al prossimo 18 aprile 2016. Sempre presso la sala consiliare del Comune di Noci i Comuni dovranno presentarsi con le ultime osservazioni sullo statuto, così da poter procedere con la costituzione vera e propria dell’Unione dei Comuni e cominciare a lavorare per il territorio e l’intercettazione di fondi comunitari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA