Stampa
In: Palazzo di citta'

Rifiuti,Noci,NOCI (Bari) – Arrivano importanti novità sul fronte rifiuti per il Comune di Noci e, in generale, per l’ARO BA/6. Con determina dirigenziale n°.746 del 12 settembre 2016 (leggi) infatti, il Comune di Noci, comune capofila e sede legale ed amministrativa dal giugno 2016 dell’ARO BA/6 ha disposto la risoluzione del contratto con la TRADECO srl di Altamura (Ba) per il servizio di igiene urbana, raccolta e trasporto rifiuti urbani ed assimilati nei comuni dell’ambito di raccolta ottimale (Locorotondo, Alberobello, Noci , Putignano).

I FATTI – Il 23 dicembre 2014, con determina dirigenziale n°. 745, il Comune di Locorotondo, allora capofila dell’ARO/BA6, predisponeva l’aggiudicazione definitiva del servizio di raccolta dei rifiuti alla ditta TRADECO srl. A distanza di circa dieci mesi veniva depositato presso Gioia del Colle il contratto stipulato. Nel frattempo, la TEKNEKO srl, azienda classificatasi terza nella gara d’appalto del servizio, ha proposto ricorso dinanzi al TAR Puglia deducendo vizi a carico dell’ammissione alla gara dell’aggiudicataria, nonché del concorrente collocato al secondo posto nella predetta graduatoria.  

Di conseguenza il TAR ha predisposto acquisizione agli atti del giudizio a cura della stazione appaltante, copia dei DURC relativi alla regolarità contributiva e fiscale delle due aziende alla data di scadenza del termine di presentazione dell’offerta, nonché a quella di aggiudicazione della gara. In seguito a controlli è emerso che in quattro diverse occasioni, secondo la certificazione rilasciata dall’INPS, la posizione contributiva della TRADECO srl risultava non regolare. Nel frattempo, il Comune di Noci aveva predisposto risoluzione del contratto con la ditta AVVENIRE (per una informativa antimafia e gravi inadempienze contrattuali) affidando il servizio, secondo norme ARO BA/6, proprio alla TRADECO srl.  L’azienda altamurana ha lavorato a Noci per circa sei mesi, mentre l’amministrazione cercava di stipulare un contratto definitivo proprio con la stessa azienda. Il tutto però è stato interrotto quando sono emerse le presunte irregolarità dell’azienda e, vista l’impossibilità di stipulare il contratto sino alla definizione del procedimento, il Comune ha emesso avviso esplorativo per la ricerca di una nuova azienda che ottemperasse al servizio per i quattro mesi successivi (da Giugno a settembre 2016). L’azienda vincitrice è risultata essere la Universal Service Snc di San Marzano (Ta) che tuttora svolge il servizio di raccolta dei rifiuti a Noci.

NISI PRESIDENTE – L’assemblea dell’ARO BA/6 il 27 giugno 2016 stabilisce che il Comune di Noci svolgerà il ruolo di Comune capofila nonché sede amministrativa e legale  della stessa, individuando nel Sindaco Nisi il presidente dell’assemblea e nell’Ing. Giuseppe Gabriele il Responsabile Unico del procedimento ARO BA/6. Proprio quest’ultimo, in seguito ai fatti sopra elencati, ha firmato in data 12 settembre la risoluzione del contratto con la TRADECO srl.

COSA SUCCEDE ORA? – E’ questa la domanda che sorge spontanea dopo le ultime vicende. A Noci il servizio di raccolta dei rifiuti urbani è affidato alla Universal Service Snc fino al 30 settembre. La data di risoluzione con la TRADECO secondo determina è fissata all’ 1 novembre 2016, quindi tra più di un mese. Si evince quindi che inevitabilmente si andrà incontro a proroga del servizio alla Universal Service, almeno fin quando non verrà individuata la nuova azienda che gestirà il servizio nei comuni dell’ARO BA/6 e si potrà finalmente stipulare un nuovo contratto che possa portare benefici e novità ( tra cui il porta a porta) al Comune di Noci.