Stampa
In: SALUTE

03 14gardensieNOCI (Bari) – Missione compiuta per i volontari di AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), che da venerdì 8 a domenica 10 marzo 2019 hanno presenziato il banchetto allestito in piazza Garibaldi, in occasione della festa della donna, per sensibilizzare l’opinione pubblica verso la malattia vendendo gardenie ed ortensie.

Tanti i nocesi che si sono avvicinati alla postazione contribuendo in maniera concreta alla crescita dell’associazione sostenendo la ricerca, ottenendo in cambio una piantina (una Gardenia o un'ortensia) e del materiale informativo su una delle malattie che negli ultimi anni sta colpendo un numero sempre maggiore di persone, molto spesso giovani e donne.

03 14gardensievolontariaismMissione compiuta addirittura entro le 12.30 di domenica mattina, con grandissima soddisfazione anche dei vertici provinciali dell'associazione. Un figurone di certo per la nostra città, ma soprattutto una mano tesa a chi, anche a Noci, quotidianamente combatte contro una malattia subdola, che si presenta in varie forme, più o meno aggressive, e contro cui, ad oggi, non vi sono cure risolutive.

La sclerosi multipla, come ricorda il sito nazionale AISM, «è una malattia neurodegenerativa demielinizzante, cioè con lesioni a carico del sistema nervoso centrale. Per molti anni è stata considerata una malattia della sostanza bianca del sistema nervoso centrale, tuttavia un numero crescente di studi ha dimostrato anche un coinvolgimento della sostanza grigia». Nel mondo si contano circa 2,5-3 milioni di persone che ne sono affette, con oltre mezzo milione in Europa (si contano quasi 600.000 casi al momento) e ben 118.000 in Italia, molte delle quali donne tra i 16 ed i 44 anni. Origine e cause restano al momento quasi sconosciute e per questo anche un piccolo contributo può fare la differenza.

In occasione della manifestazione, intitolata Gardensia, Noci ha risposto positivamente, acquistando quasi 100 piantine (anche grazie al contributo della Farmacia Trerotoli) e donando all'associazione - e quindi alla ricerca - 1420 € comprensivi anche di offerte volontarie. Si ricorda che per chiunque volesse continuare a donare, può farlo chiamando il 45591 entro il 17 marzo 2019.