Stampa
In: SALUTE
Da lunedì 25 luglio a venerdì 29 una settimana di incontri nei cinque Comuni per un percorso consapevole, aperto e condiviso

07 21 piano sociale di zonaPUTIGNANO – Da Putignano a Putignano, passando per Noci, Castellana Grotte, Locorotondo e Alberobello con l’obiettivo di percorrere un percorso consapevole, aperto e condiviso. Una settimana di confronti, incontri, dibattiti nei cinque Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale. È «Spazi di Comunità», il percorso di co-programmazione del nuovo Piano Sociale di Zona 2022-2024.

Si parte lunedì 25 luglio da Putignano (ore 10.00 - 13.00) con il primo incontro al centro Anziani (via Gianfedele Angelini 26/L) e si prosegue nel pomeriggio della stessa giornata (17.00 - 20.00) a Noci ai Laboratori Urbani (via Repubblica, 4). Il giorno dopo, martedì 26 luglio, appuntamento a Castellana Grotte (Sala delle Cerimonie, Palazzo Municipale, ore 10.00-13.00).

Mercoledì 27 luglio il percorso di co-programmazione arriva a Locorotondo (villa Mitolo, sala don Lino Palmisano, via Almirante, ore 17.00 - 20.00) e giovedì 28 si arriva ad Alberobello (casa Alberobello, largo Martellotta, ore 17.00 - 20.00). Venerdì 29 luglio si torna a Putignano per la sessione plenaria con l’illustrazione e condivisione dei tavoli di co-programmazione (ore 10.00 -13.00, sala consiliare del Comune).

La co-progettazione. Il percorso prevede cinque tavoli e una sessione plenaria. In ogni incontro sono previsti sette focus group sulle sette aree strategiche di attenzione e intervento del V Piano delle Politiche Sociali regionale 2022-2024, che è lo strumento a partire dal quale ogni Ambito territoriale pugliese costruisce il proprio Piano di Zona. In particolare, i tavoli verteranno su: il sistema del welfare di accesso, le politiche familiari e la tutela dei minori, l’invecchiamento attivo, le politiche per l’integrazione delle persone con disabilità e la presa in carico della non autosufficienza, la promozione dell’inclusione sociale e il contrasto alle povertà, la prevenzione e il contrasto di tutte le forme di maltrattamento e violenza su donne e minori; le pari opportunità e la conciliazione vita-lavoro.

Cos’è il Piano Sociale di Zona. È lo strumento di programmazione integrata delle politiche sociali territoriali. In particolare il Piano Sociale di Zona definisce: gli obiettivi strategici e le priorità d’intervento; gli interventi e i servizi sociali garantendo i livelli essenziali delle prestazioni e la loro localizzazione; le modalità organizzative dei servizi, le risorse finanziarie e professionali, i requisiti di qualità; le procedure e gli strumenti per la rendicontazione economica, per il monitoraggio e per la valutazione delle attività e dei risultati conseguiti; le modalità per garantire l’integrazione tra servizi e prestazioni. Il piano è costruito attraverso un processo di progettazione partecipata, che coinvolge tutti gli operatori del settore: dai cittadini ai soggetti istituzionali, dagli operatori dei servizi sociali, sanitari ed educativi al mondo del volontariato, dalla cooperazione sociale al mondo imprenditoriale e della ricerca.

Il Piano regionale delle Politiche Sociali. E’ la base su cui ogni Ambito costruisce il proprio Piano di Zona. Le parole d’ordine del V piano regionale sono: ripartire, valorizzare, includere. Il piano regionale 2022-2024 individua sette aree strategiche, strutturate in 34 obiettivi che si attueranno in altrettanti interventi per obiettivo. Concertazione, integrazione, partenariato e condivisione delle responsabilità rappresentano le fondamenta su cui si poggia il nuovo Piano, con cui la Regione Puglia intende promuovere un Welfare delle Responsabilità costruito sul concetto della “responsabilità condivisa”, in base al quale tutti i livelli di governo, nell’ambito delle rispettive competenze, concorrono a formulare, realizzare, gestire e valutare le politiche sociali.

Che cos’è l’Ambito territoriale Sociale. Rappresenta la sede principale della programmazione locale, concertazione e coordinamento degli interventi dei servizi sociali e delle altre prestazioni integrate, attive a livello locale. L'Ambito è individuato dalle Regioni. Ad esse spetta la determinazione degli Ambiti Territoriali, delle modalità e degli strumenti per la gestione unitaria del sistema locale dei sevizi sociali a rete.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA