Pubblicità

Pubblicità pub noci24 01

Pubblicità Assinotar 2017 luglio 1

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

- -

12-31-compagnia-chimancaRiceviamo e pubblichiamo integralmente una lettera giunta in redazione dalla compagnia teatrale Chimanca a firma del capocomico Caterina Quarato. Il testo vuole essere un ringraziamento ad una persona cara per un momento condiviso insieme alla compagnia. Questi inoltre ha offerto supporto ed aiuto, ma ora sembra essersi abbassato il sipario.

 


 

C'è qualcosa di meraviglioso in un amore destinato a finire. C'è qualcosa di maestoso, imponente, inquietante e sublime: la certezza dell'eternità. Perché alcuni amori, quelli veri, quelli puri, non smettono mai di brillare. Sono come pezzi di vetro colpiti dal sole, destinati a risplendere, perché quella è la loro natura. Schegge di vetro dall'infinita luminosità che nessun destino avverso potrà mai celare. E c'è qualcosa di altrettanto beffardo nel sapere quali sono le cose giuste da dire ma non riuscire a farlo. La mente rincorre momenti che fuggono via mossi dal vento, quello stesso vento d'estate che ci ha fatto fermare, un giorno, in un punto preciso del mondo.

Il primo ricordo sono occhi rossi dal sonno, odore di caffè, impronte del guanciale sul volto e meravigliosi mandarini cinesi. Una sveglia per noi troppo mattiniera aveva destato troppo presto il nostro mattino. In verità, il paese era in attività da almeno un paio d'ore. Ma noi no. Noi siamo artisti. E siamo strampalati. Ci svegliamo dopo il terzo caffè, il terzo pezzo di ciambella e il terzo tempo. Un po' come nel rugby. Se non vogliamo ammettere di essere tremendamente pigri e dalla chiacchiera facile, potremmo sempre dire di essere stati, un tempo, giocatori di rugby particolarmente legati al terzo tempo. Non possono esserci dubbi. In un'altra vita, siamo stati giocatori di rugby.

Il secondo ricordo è uno stemma di una felpa cucito sul cuore e degli occhi puliti che si guardano intorno. Ho impiegato due tazze di tè verde e almeno tre diottrie per riconoscere nello stemma quel che, da un paio d'anni, è diventato un simbolo del paese. La squadra di pallamano. Una specie di chimera, per noi. Testa e corpo di leone, sulla schiena una testa di capra e una coda di serpente fornita di testa, considerata l'incarnazione di forze fisiche distruttrici. Beh, a vederli, qualcosa di spaventoso e distruttivo ce l'hanno, i giocatori di pallamano. Soprattutto quando tu sei piccolo e te ne trovi davanti uno che è tre volte te. Ti fanno ombra. Non è cattiveria, la loro. Sono straordinariamente ingombranti. È come se tu fossi una formica e loro un branco di elefanti. Ma dagli occhi buoni. Dagli occhi puliti. Come quelli del loro presidente. Continua a guardarsi intorno, come se avesse perso qualcosa o qualcuno. Solo dopo parecchio tempo, ho capito che era una specie di sentinella, pronta a scattare in caso qualche cliente arricciasse il naso per fastidio. Magari era solo una mosca che girava intorno ai mandarini cinesi. Avrebbe sradicato l'intera piantagione di mandarini pur di riportare in uno stato di quiete ed estasi i suoi clienti.

Il secondo ricordo, dicevamo, sono quegli occhi puliti che ogni giorno, ogni santo giorno, ci hanno accolto con il sorriso e un calore inconfondibile: quello di un uomo che si metteva a completa disposizione per ogni richiesta dei suoi clienti. E così, un giorno, abbiamo osato. Noi, giovani clienti affamati di sogni, testardi e impazienti di fare abbiamo timidamente chiesto se, per caso, un giorno ci saremmo potuti presentare con la nostra piccola attrezzatura e produrre qualcosa, giusto per capire il nostro potenziale. E lì ci siamo innamorati. Non del gestore di un locale, non di un presidente di una squadra, ma di un uomo che, come un padre che si sacrifica per il bene della famiglia, mette a disposizione tutto quel che ha, affinché i suoi figli sperimentino e trovino la loro strada. E così che ci siamo sentiti. Figli acquisiti meritevoli di fiducia, rispetto e grandissimo supporto.

Eccolo il terzo ricordo. Un amore incontrastato, bellissimo, profondo e puro, che ha legato le nostre idee ad un locale di pietra bianca dal tangibile calore umano. E come ogni bellissimo e profondissimo amore è ora destinato a finire in luogo diverso. Sarà come non sentirsi più a casa, sarà come non trovarsi più a casa. Ma i grandi amori non finiscono mai. Cambiano strada, cambiano vita, lavoro, abitudini, ma non cambiano mai il volto. I grandi amori sono capaci di riconoscersi tra migliaia di altri, anche dopo un tempo infinitamente lungo. Sarà come perdersi con l'assoluta certezza di ritrovarsi. Perché è così che fanno i grandi amori. Si ritrovano, si ritrovano sempre. Superano le loro fasi di transizione, aprono e chiudono cerchi, senza accorgersi che sono solo anelli di un'unica catena che, indissolubilmente, li lega per l'eternità.

È solo una fase di transizione quella che si sta chiudendo adesso. È solo la fine di un nuovo inizio per un indiscusso amore. Siamo convinti che presto ritroveremo quegli occhi puliti e ci sentiremo di nuovo a casa. Come se niente fosse mai cambiato. Come se il tempo non fosse mai trascorso inesorabile. Ci saranno altri odori, altre pietre e altri soli. Ci saranno nuove idee e nuove mani. Ci saranno altri venti e nuovi meravigliosi mandarini cinesi.

Grazie di tutto, Stefano.

Caterina Quarato
per la Compagnia di Chimanca

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Dalla prima pagina

Pubblicità

Pubblicità

Dulciar Natale 2017

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 115 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
master-noci24-ballottaggio
promemoria

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

Twitter

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook