Stampa
In: Amministrative 2013

11-28-nicola-lamannaNOCI (Bari) - Nicola Lamanna è il candidato della lista civica "Noci è viva" nata dall'associazione "Terra colta" a sostegno della sua candidatura alle primarie comunali del 16 dicembre per la scelta del candidato sindaco della coalizione di centro sinistra. Domenica 25 novembre ha risposto ad alcune domande dei giornalisti locali.

 

Quali sono le ragioni che l'hanno spinta a candidarsi e le sue linee programmatiche?

"Forse già saprete, io mi sono candidato alle primarie del centrosinistra come promotore di una lista civica dal nome "Noci è viva" e con una bozza di programma elettorale che è pubblicato anche su di un blog. I Punti fondamentali di questa bozza di programma – continuo a chiamarla bozza perché la sua trasformazione è ancora in corso con il contributo degli altri partiti della coalizione e di tutti i cittadini che vorranno continuare a fornirlo come finora hanno fatto – sono lo sviluppo ecosostenibile di una città come Noci, cioè immaginare le linee di sviluppo ecosostenibile, l'ambiente con tutte le ripercussioni a livello di gestione dei rifiuti, l'etica della politica, la trasparenza nelle azioni amministrative e gli interventi per tornare ad appropriarsi delle tematiche della gestione sociale. Poi avremo modo di approfondire tutti questi temi in maniera molto più dettagliata, in considerazione di quelle che sono le cose che io stesso ho appreso in questo ultimo periodo e che vedono Noci un po' relegata anche nelle ultime posizioni tra i comuni che fanno parte dell'ambito, in termine di gestione delle attività sociali, di gestione dei rifiuti, attività culturali e così via. Quindi mi auguro che voi ci chiamiate abbastanza spesso, in modo che possiamo raccontarvi tutte le questioni che sono il nocciolo delle linee programmatiche che la coalizione vorrà portare avanti, indipendentemente da quello che sarà il candidato che si confronterà alle elezioni amministrative con la destra. Per quanto riguarda, invece, la questione delle primarie, così come il grande successo che stanno dimostrando oggi le primarie a livello nazionale, anch'io credo che quest'idea di farle a livello locale sia una cosa che avrà un effetto straordinario, sia in termini di partecipazione, sia in termini d'interesse della popolazione nocese a quelle che sono le problematiche che saranno in qualche modo suggerite dai vari candidati, in modo da avere una scelta consapevole".

Una domanda su "Noci è viva", dal momento che è una lista nuova, non sappiamo se una formazione politica o associativa. Un chiarimento sulla lista che rappresenta, il bacino elettorale potenziale che sta credendo nella sua candidatura. I supporter di questa candidatura e a chi si rivolge.

"Noi abbiamo costituito un'associazione che si chiama Terra colta e che è attualmente costituita da un gruppo di persone che rappresentano lo zoccolo duro, i soci fondatori, e che oggi si sta allargando a tutta una serie di persone che si riconoscono nelle linee programmatiche. Questa associazione si presenterà alle elezioni amministrative attraverso una lista civica, ovviamente civica perché non siamo un partito strutturato a livello sovra comunale, che si chiama, inveve "Noci è viva", con quel simbolino che avrete visto pubblicato sui social network. Molta gente ha manifestato condivisione a questo progetto che nasce proprio da quelle linee programmatiche che sono contenute nella bozza di programma pubblicata sempre sul blog. A livello istituzionale ci sono anche due consiglieri comunali che si sono riconosciuti in questa lista che sono Fabrizio Notarnicola e Nuccio Guagnano, oltra a tutta una serie di miei amici vecchi e nuovi che si stanno riconoscendo e che hanno aderito al progetto politico e che quindi, ovviamente in minima parte, sono disponibili a candidarsi e a portare avanti questo progetto politico".

Qualche nome dei possibili candidati?

"No, no, non perché ancora non li voglio fare. Ma perché li dobbiamo ancora determinare in maniera condivisa, se no può sembrare che sia una scelta mia, che non è. Dobbiamo ancora definirli. Saranno 16, possibilimente il più assortiti possibile. Rappresentanti di associazioni di categoria, pensatori..."

Quindi non ci saranno altri esponenti che hanno avuto esperienza di governo nel centrodestra? Noci è viva è un'incognita nel centrosinistra, perché non c'è immediatamente la possibilità di ricondurla a partiti politici, quindi circolano preoccupazioni circa eventuali altre forme di passaggi, non dichiarati, non apertamente critici con l'amministrazione Liuzzi come nel caso di Notarnicola e Guagnano. Circola la voce del ritorno di qualche altra personalità del mondo politico attualmente a destra. È vero o non è vero?

"Assolutamente non è vero. Io non ho contatti con nessun personaggio del mondo politico a destra. Quello che ci proponiamo di fare è la stessa cosa che sta avvenendo a livello nazionale, dove non si capisce più bene quali sono i confini del centrosinistra, con tutto il rimescolamento che si sta avendo tra i sostenitori di Monti, Italia Futura, dell'eventuale partecipazione dell'Udc ad un governo di centrosinistra. Ovviamente a livello locale non darei una connotazione così decisa. Noi siamo in grado di coalizzare l'adesione di tutti coloro che si propongono in un disegno programmatico che ha alla base gli obiettivi che ci siamo prefissi. Non mi interessa molto il resto. Chiaramente ci sono limiti a questo. Non andremo a far confluire all'interno di questa lista personaggi che in qualche modo hanno avuto un ruolo politico attivo fino all'ultimo con questa Amministrazione. Nel senso, se qualcuno ha preso le distanze per tempo ed è stato di opposizione, ha tutta la legittimità oggi di rappresentare la richiesta di alternativa. Ovviamente non ce l'ha chi ancora oggi si riconosce in quella maggioranza. Quella maggioranza è quella che noi vogliamo sostituire nel governo del paese. È quindi proprio una tautologia".

La sua attività lavorativa per la Fimco dell'imprenditore Vito Fusillo ha portato molti ad ipotizzare che ci sia una vicinanza anche con suo fratello, l'ex senatore Nicola. Le faccio una domanda diretta: lei ha chiesto il supporto o ha avuto contatti con Nicola Fusillo?

"Io sono un amico personale di Nicola Fusillo, come sono un amico personale di Raffaele Putignano e di quasi tutti gli imprenditori nocesi. Questo l'ho anche detto in un articolo. Le votazioni per le elezioni comunali, come voi sapete bene, sono un fatto di condivisione di programma ed anche di amicizia. Sono sicuro che per un fatto di amicizia molti di questi mi voteranno sia alle primarie che poi alle amministrative. Anche perché la maggior parte di queste persone si riconosce in un ambiente di centrosinistra, in quelle che sono le idee ed i programmi. Questo, voglio chiarirlo in maniera definitiva, non vuol dire assolutamente niente dal punto di vista di quelli che possono essere i condizionamenti futuri che voi paventate. Io sono sempre stato un libero professionista, ho collaborato a Noci con quasi tutti i gruppi industriali, ho lavorato all'Acquedotto Pugliese, in questo momento lavoro con società di livello sovracomunale, perché a livello comunale insomma qualche difficoltà la stiamo avendo. Ritengo che sia offensivo continuare a dirmi – io oggi ho 50 anni – che la mia personalità possa essere in qualche modo influenzata da questi amici che in qualche modo operano a livello locale. Che poi ben pochi operano ancora a livello locale nel settore delle costruzioni o dell'immobiliare. Quindi, da questo punto di vista, garantisco a tutti i cittadini nocesi che non ci sarà nessun condizionamento".

Ci sarà un dialogo quindi, ma non una dipendenza.

"Secondo lei posso evitare di incontrare i miei amici, di salutarli e fermarmi a parlare? Questo non solo non lo voglio fare, ma sarebbe molto stupido farlo, perché è la campagna elettorale. Quindi vi tranquillizzo in maniera definitiva su questo".

Una curiosità. Alle primarie nazionali chi ha votato?

"Ho votato il segretario Bersani. Anche perché io, indipendentemente da questa iniziativa politica locale, mi sono riconosciuto negli anni passati come elettore del Partito Democratico".

© RIPRODUZIONE RISERVATA