Stampa
In: Amministrative 2018

05 28pieroliuzziconfrontoNOCI (Bari) - Pronto a rispondere alle sollecitazioni dei cittadini per dialogare su possibili realizzazioni e vedute future. Il candidato Sindaco per la coalizione Insieme Noci 2018 Piero Liuzzi si è offerto alla pubblica piazza, la scorsa domenica 27 maggio, per rispondere a quesiti, interrogazioni pubbliche, dubbi, incertezze sollevate dalla cittadinanza. Promettendo di farlo nel “limite dello scibile umano” commenta sorridendo e guadagnando quindi la sedia per mettersi a tu per tu con chiunque avesse voluto prendere parola.

A distanza di una settimana dalla presentazione delle liste, sempre dinanzi al comitato di via Moro, per Liuzzi si è creata l’occasione delle risposte da fornire, ma soprattutto del confronto pubblico con i cittadini. Fra domande e critiche al Senatore, già sindaco di Noci, è toccato parlare in prima battura di Mu.Ra, spazio entro cui si dovranno garantire attività legate al tempo libero, alle arti visive, al cinema e al teatro, e della Fondazione Bacco nelle Gnostre. L’ente ipotetico, per sua natura giuridica, dovrà quindi poter essere in grado di dialogare con il territorio facendo partecipare enti sovracomunali, la Camera di commercio, l’Associazione albergatori, etc, tali da poter attirare finanziamenti in suo favore: “Bacco nelle Gnostre” ha commentato, “è luogo di aggregazione, enfasi delle nostre tradizioni enogastronomiche”. “Importanti studi universitari” ha continuato, “hanno analizzato l’impatto economico di cui la citta può godere grazie a questa sagra: si parla di circa 2 milioni di euro distribuiti sul territorio. Grazie a questa fondazione Bacco deve diventare patrimonio della comunità”.

Alla domanda “Chi teme dei suoi avversari?” risponde: “Non temo alcun avversario. Nessuno dal punto di vista personale. Temo solo che qualcuno vada oltre una campagna elettorale, che di per sé deve essere luogo di confronto, attraverso le ingiurie”. “Anche il secondo dei nostri avversari” continua, “non ha governato molto bene fino a questo momento, non ci ha soddisfatti”.

In termini di parcheggi, l’appello di Liuzzi è quello di frequentare sempre di più la strada in quanto luogo d’incontro. Monito che deve valere anche nei confronti del centro storico, luogo che dovrà essere abbellito dai privati: la tinteggiatura bianca delle facciate e l’eliminazione degli infissi in anticorodal sarà, per l’amministrazione Liuzzi, oggetto a politiche di defiscalizzazione.

L’attacco da parte del pubblico arriva quando è il momento di parlare di viabilità. Le lamentele sono relative alla chiusura dell’arteria di via Aldo Moro, prima a doppio senso e punto di collegamento fra la zona Cappuccini e la zona san Domenico. “Io credo di aver fatto un omicidio importante” risponde con convinzione Liuzzi. “Abbiamo dato vita ad un nuovo modo di concepire la città evitando di annerire le narici e i polmoni dai gas di scarico. Abbiamo allargato i marciapiedi per favorire ai bambini di poter camminare con tranquillità. Una trasformazione urbana che ha soddisfatto almeno il 90 % dei nocesi e che continuerà immediatamente con il completamento del ponte progettato che dovrà passare sulle Fse: progetto approvato e finanziato e che ancora oggi non ha visto la luce”.

Politiche attive del lavoro: considerando che il Comune di Noci è passato da 143 dipendenti nel 2003 a circa 68 nel 2018, Liuzzi promette di ampliare l’organico. "Volgendo lo sguardo al mondo esterno, il primo atteggiamento sarà quello di mettere intorno ad un tavolo tutti coloro che potranno dire una parola sull’occupazione: il centro per l’impiego, i soggetti che fanno formazione permanente, le imprese più significative. Ci doteremo di persone esperte che sappiano dare orientamenti nuovi all’occupazione e dei dirigenti scolastici a servizio dell’occupazione”.

Per Liuzzi inoltre serve fare in modo che Lago Milecchia diventi luogo attrattivo per il turismo ambientale; che le piste ciclabili vengano ripristinate e rivisitate; che si intervenga sugli impianti sportivi comunali in termini di manutenzione.

05 28pubblicoliuzzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA