Stampa
In: Amministrative 2018

06 02 noci nisi 2018 1NOCI (Bari) - Si è tenuto ieri sera, venerdì 1 giugno, in Piazza Garibaldi il primo comizio della coalizione Noci Nisi 2018, squadra di 8 liste civiche a sostegno della riconferma del sindaco uscente Domenico Nisi. Sul palco sono intervenuti Mirko De Leonardis (Noi con Domenico Nisi), Giancarlo Piangivino (Iniziativa Democratica), Nuccio Guagnano (Impronta Civica), Rossella Bianco (La Sinistra), Marta Jerovante (PD), Rocco Mansueto (NOCIsiamo e CivicaMente) e Natale Conforti e Dino Tinelli (Lavoro e Sviluppo per Noci).

Ha aperto il pubblico comizio Mirko De Leonardis, il quale, dopo aver presentato i rappresentanti delle varie liste civiche, ha giustificato il grande numero delle liste e dei candidati presenti nella coalizione, composta da una serie di specificità e di singolarità messe in comune per la stesura di un programma condiviso. L’ intervento si è poi spostato sul tema della verità: difendendo la coalizione e il sindaco uscente dagli “scandali” che lo vedrebbero coinvolto secondo alcune testate giornalistiche locali e non, De Leonardis ha sostenuto la falsità di tali accuse e di quella “verità rimaneggiata e costruita ad arte”.

E’ stata poi la volta di Giancarlo Piangivino di Iniziativa Democratica, il quale ha definito la propria lista come un “contenitore politico e culturale costituito da uomini e donne di sani principi morali, che considerano tutta l’azione politica come un servizio altruistico da dare con entusiasmo ed impegno a favore della comunità”. Con rispetto, poi, della “verità dei fatti”, Piangivino è passato a difendere, anche con toni veementi, l’operato dell’amministrazione Nisi negli ultimi 5 anni: a suo dire questa si è trovata a muovere i propri passi nell’ emergenza sociale della disoccupazione dovuta alla chiusura o alla delocalizzazione delle grandi imprese nocesi. “Nonostante tutte queste difficoltà” - ha continuato - “con impegno, dedizione e con grande umiltà è stato davvero fatto un grandissimo lavoro di cui tutti voi potete prendere atto. La strada intrapresa è quella giusta, davvero siamo sulla buona strada”.

E’ intervenuto, poi, Nuccio Guagnano in rappresentanza della lista Impronta Civica. Fine di tale movimento civico è, infatti, quello di lasciare a Noci un’ impronta delle cose fatte e delle azioni messe in pratica. In risposta a chi sostiene l’inerzia dell’ amministrazione Nisi, dunque, Guagnano ha portato all’ evidenza del pubblico il fatto che non vi siano stati né contenziosi né debiti fuori bilancio. E’ poi passato ad elencare alcuni dei punti presenti nel programma di Noci Nisi 2018 inseriti dalla propria lista civica, come l’ istituzione di alcuni servizi socio-sanitari che vadano a sopperire alle carenze della ASL o come il saper attrarre gli investimenti degli imprenditori su Noci intercettandone la volontà e snellendo la trafila burocratica.

In rappresentanza de La Sinistra, invece, la giovane Rossella Bianco, che ha definito la propria lista come un gruppo di 15 persone accomunate dagli stessi ideali di giustizia sociale, l’antirazzismo, la lotta per la legalità e per la difesa dei propri diritti, l’ integrazione, l’inclusione e la coscienza ambientale. “Credo nel valore aggregativo della politica” - ha dichiarato ai microfoni del palco in Piazza Garibaldi - “credo che ci sia bisogno di dinamiche propositive. Credo fortemente che è arrivato il momento di intuirci come un sistema integrato di risorse, di flussi ed energie”. Ha poi elencato alcuni dei punti di cui La Sinistra si farà promotrice: lo sviluppo di una coscienza ambientale e del consumo critico, l’ educazione al consumo locale e alla filiera corta, l’ istituzione di una consulta dei migranti, l’ aumento della sostenibilità ambientale della comunità cittadina.

06 02 noci nisi 2018 jerovante

A prendere parola per il Partito Democratico è stata Marta Jerovante, che ha sostenuto con forza che il cambiamento è un processo che va governato, affermando che non esistono soluzioni semplici a situazioni complesse: chi propone soluzioni immediate, a sua detta, sarebbe solo teso verso il guadagno di un consenso immediato e non verso il bene del paese. Ha, inoltre, sostenuto la maturità e la competenza sia dell’ amministrazione uscente sia della comunità nocese, in un processo di corresponsabilità e di mutuo controllo che passa dal potente organo del Consiglio Comunale. Merito di Nisi sarebbe, secondo Jerovante, di aver riportato al centro del dibattito comunitario l’ emergenza sociale, facendosi promotore di politiche sociali e culturali di grande importanza.

E’ intervenuto, poi, l’ avv. Rocco Mansueto a nome delle due liste NOCIsiamo e CivicaMente. Le due liste, che prima costituivano una vera e06 02 noci nisi 2018 mansueto propria coalizione molto critica nei confronti dell’ operato di Nisi e della cosiddetta “anatra zoppa” con il progetto di presentare un candidato sindaco alternativo a quello uscente, testimonierebbero l’ apertura della squadra di Noci Nisi 2018, in cui il bene collettivo e la competenza sono centrali e fungono da collante per le singolarità di ciascuno. Ha concluso il proprio intervento dichiarando: “oggi il paese chiede di avere un soggetto che faccia da tramite tra delle esigenze quotidiane della popolazione e chi amministra. Noi ci proponiamo di farlo, saremo sempre disponibili a raccogliere le istanze che diventeranno indirizzo per il consiglio comunale. Noi non saremo litigiosi, ma saremo contagiosi, contageremo tutti con quella forza di volontà e quell’ entusiasmo che abbiamo trasmesso”.

06 02 noci nisi 2018 tinelliUltimi due interventi quelli di Natale Conforti e Dino Tinelli. Il primo, che si è presentato come un artigiano fiero della propria professione, ha sostenuto che la lista “Lavoro e Sviluppo per Noci” si farà carico di valorizzare il tessuto produttivo della nostra comunità, favorendo anche la nascita di start-up innovative e creando occupazione per i più giovani. Il secondo, infine, ha concluso con spirito il comizio recitando due attualissime poesie di Vittorio Tinelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA