Stampa
In: Politiche 2013

angelini-stefano-consigliere-01NOCI (Bari) - E siamo a tre. Tre sono infatti finora i candidati nocesi alle politiche del 24 e 25 febbraio prossimo. Stefano Agelini (in foto), capogruppo in consiglio comunale per l'UDC sarà candidato al 13° posto nella lista UDC per la Camera e segue l'annuncio della candidatura del consigliere Felice Plantone, alla Camera nella lista Scelta Civica alla posizione n° 19, e dell'imprenditrice nocese Angela D'Onghia, capolista per la lista "Con Monti per l'Italia".

ANGELINI - Angelini è alla sua prima partecipazione alle politiche nazionali ed è arrivato alla candidatura dopo numerosi anni di esperienza politica locale e provinciale. Il suo 13° posto non gli garantirà probabilmente l'elezione (si prevedono 3-4 deputati UDC in Puglia), ma testimonia il "peso" politico dell'UDC nocese capeggiato dal presidente del consiglio Enzo Notarnicola. 

BRUNO - C'è tempo fino a lunedì per la definitiva presentazione delle liste presso le cancellerie delle Corti di Appello e quindi bisognerà attendere ancora qualche giorno per sapere quello che accadrà nel PDL. Occhi puntati ora sulla possibile deroga all'onorevole Donato Bruno che, se ottenuta, permetterebbe al deputato nocese di partecipare alla sua quinta legislatura (è stato ininterrottamente presente in parlamento dalla XIII legislatura iniziata nel 1996 con il Governo Prodi I, D'Alema I e II, Amato II, Berlusconi II e III, Prodi II, Berlusconi IV, Monti).

LIUZZI - Attesa anche per la ventilata candidatura del sindaco Piero Liuzzi al Senato nella lista PDL. Ad inizio settimana, dopo la circolazione delle indiscrezioni sulla probabile candidatura, Liuzzi non ha smentito tali voci limitandosi a dire di aver appreso tali supposizioni dalla stampa. Il suo recente viaggio di ieri a Roma, però, (per commemorare la figura del docente nocese, il prof. Leonardo Morea, professore e politico PSI, presso la Società Geografica Italiana) potrebbe aver portato Liuzzi, chissà, a partecipare agli ultimi tavoli politici per la definizione delle liste in via dell'Umiltà. Ma di quest'ultima ipotesi non ci sono conferme.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA