Stampa
In: Altri sport

08 30 mondiali ironman 70.3 michele insalataNOCI (Bari) - Tutto l'Otrè Triathlon Team è stretto intorno al suo campione Michele Insalata, con i dirigenti Nicola Intini e Domenico Lippolis che lo accompagnano ad ogni impresa, come per gli Europei di Riccione, l'Ironman 70.3 di Rappersvill in Svizzera e l'ultima straordinaria avventura di domenica 30 agosto a Zell Am See in Austria, con i Mondiali di Ironman 70.3 di Triathlon per professionisti e non. Dopo la qualificazione conquistata dal monopolitano nella gara svizzera, con un 2° posto di categoria, Insalata risponde bene all'appuntamento mondiale con un 79° assoluto su 2000 e più partecipanti ed un 11° di categoria che se non fosse stato per problemi di stomaco al km 10 di corsa, poteva essere podio per l'atleta.

 

"Non ho ancora espresso tutte le mie potenzialità, soprattutto in bici e corsa. Quello che è capitato a Zell Am See è stato l'unico passo falso della stagione, ma fa parte del gioco". La ricerca della gara soddisfacente va avanti per Insalata, insieme al suo lavoro e alla sua crescita esplosiva, evidente ai nostri occhi in questa stagione di triathlon vincente per lui e il team Otrè. Domenica in Austria Michele ha chiuso poco dopo il gruppone dei professionisti, con un 4° assoluto nel suo forte parziale in bici, ad un terzo della frazione: poi, di corsa verso il traguardo, ma ai 10 km l'intoppo. Forti crampi allo stomaco gli complicano la gara, facendogli accumulare 7-8 min di ritardo che potevano valere il podio di categoria. È stato invece 11° nell'AGE GROUP, secondo tra gli italiani e 11° nel mondo, un grandioso risultato, dopo il recupero. 

Quattro ore e 25 di gara il tempo finale di Insalata per coprire le distanze di 1,9 km di nuoto, 90 di bici e 21 circa di corsa, quelle 70.3 miglia che danno il nome alla gara Ironman. Vincitore assoluto il tedesco Jan Frodeno con 3 ore, 51 minuti e 19 secondi di gara. I professionisti in gara erano circa 50, da tutto il mondo, Giappone, Australia, Cile e anche Italia, con la grande assenza del campione Alessandro De Gasperi, vincitore anche del trofeo Calaponte a Polignano a Mare. Quel 79° assoluto di Insalata è quindi un risultato vicinissimo al professionismo e lo stesso monopolitano é conscio delle sue possibilità e del fatto di non averle ancora espresse del tutto.

"Domenica potevo anche arrivare avanti ad alcuni professionisti, con quei tempi. Punto ad un'altra gara di questo tipo dove tirare fuori il meglio, soprattutto in bici e in corsa". Chissà se le gare "perfette" di Insalata arriveranno ai Nazionali di Triathlon Supersprint a Riccione, individuali e di squadra, la prima settimana di ottobre. "Speriamo molto nella gara di gruppo" confessa l'atleta, da poco allenatore del gruppo giovani della società, che saranno impegnati domenica a Giovinazzo e sabato prossimo a Leporano con le loro prime gare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA