Stampa
In: Calcio a 5 maschile

11 03 noci calcio a cinqueNOCI (Bari) - Un cambio in panchina inaspettato per il Noci Calcio a Cinque di C2 del presidente Giandomenico D'Elia.
Con una breve comunicazione via facebook, la società ha annunciato il cambio ufficiale di allenatore: Giancarlo Piangivino, allenatore da due stagioni dei biancoverdi e con un progetto a lungo termine in cantiere, è stato sostituito dal dirigente ed ex calciatore del Noci C5, Gianvito Carucci, coadiuvato dall'altro dirigente, Tonio Palattella e dal preparatore dei portieri, Ninni Palazzi.
Piangivino era stato squalificato fino al 13 novembre, in seguito a una brutta reazione alle provocazioni del Thuriae, nella trasferta di Coppa Puglia, finita 5-5, ma voci vicine alla società escludono la squalifica dalle motivazioni per la sua sostituzione.
Non trapelano altre dichiarazioni circa le motivazioni di questo cambio da parte dei protagonisti della vicenda, ma il presidente D'Elia conferma che Carucci sarà l'allenatore scelto fino alla fine della stagione: un campionato iniziato bene per i biancoverdi, con il passaggio al 2° turno di Coppa e il sesto posto in classifica, in piena zona play off. Oggi arriva in casa proprio il Thuriae, più basso in classifica e sarà la prima casalinga ufficiale con Piangivino sugli spalti e Carucci in panchina per la sua prima esperienza da allenatore.

 LA COMUNICAZIONE DELLA SOCIETÀ - "La società informa la tifoseria biancoverde del cambio di direzione tecnica che passa dal Mister Piangivino al Mister Carucci coadiuvato da Palattella Antonio e da Ninni Palazzi.
A Giancarlo Piangivino i ringraziamenti per aver contribuito alla selezione dell’attuale rosa dei giocatori a cui l’intera società conferma la piena fiducia, e per il lavoro fin qui svolto.
A Gianvito Carucci un grosso in bocca al lupo per il suo nuovo incarico."
Queste le uniche parole ufficiali che trapelano dalla bocca della società sull'improvviso avvicendamento sulla panchina biancoverde.
In relazione ai rapporti tra le parti, nè Piangivino, nè D'Elia e nè Carucci hanno manifestato l'intenzione di gettare altra benzina sul fuoco, ma ovviamente i dubbi e le domande rimangono.
Carucci aveva cominciato a sostituire Piangivino in panchina dopo la squalifica, sin dal derby con il Futsal Noci, pareggiato 3-3, con l'allenatore ufficiale impegnato a dare indicazioni dagli spalti e a chiamare i cambi quando necessario, ma anche Tonio Palattella, altra colonna biancoverde, dava indicazioni dalla panchina.
La nuova guida biancoverde si prospetta quindi "a più teste", tutte però storicamente legate al progetto del presidente D'Elia.

IL NUOVO MISTER DEL NOCI C5 - Gianvito Carucci ha rappresentato per molti anni un punto di riferimento calcistico per il Noci C5 del presidente Giandomenico D'Elia. In squadra nell'anno della storica promozione in C1, l'unica mai raggiunta da una squadra nocese nel mondo del futsal, aveva negli ultimi anni appeso le scarpe al chiodo, salvo poi tornare da dirigente nella sua storica società, insieme all'amico e compagno di squadra, Tonio Palattella.
Sarà quest'ultimo, insieme a un altro ex giocatore biancoverde e attuale preparatore dei portieri, Ninni Palazzi a dar man forte al nuovo mister nel delicato passaggio di consegne.

LA PROVA DEL NOVE - La prima prova ufficiale per Carucci sarà la sfida casalinga di oggi, alle 16, al palaFiore, contro il Thuriae, reo di aver provocato la squadra e lo stesso mister Piangivino nella sfida di andata di Coppa Puglia, terminata 5-5 a Turi.
Il Thuriae non è passato al 2° turno della competizione, diversamente da Noci e New Team Putignano, nel triangolare del primo turno, quindi il dente potrebbe essere doppiamente avvelenato per questa sfida, che arriva in un momento comunque delicato per la squadra biancoverde.
Si vocifera anche di due addii, quelli dei pivot Claudio Leoci e Donato Felice, molto probabilmente legati al cambio in panchina, ma non ci sono conferme ufficiali.
Ne capiremo di più nel match di oggi, ovviamente con l'augurio che si dia vita a un bel match, sportivo e appassionante su entrambi i fronti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA