Stampa
In: Ciclismo

09-10 2019la matta bambini 2019

NOCI (Bari) - Domenica 8 settembre si è svolta la quarta edizione de La Matta Bambini, una ciclopasseggiata organizzata dall’associazione nocese Ciclo Noci Vintage.

I 59 piccoli ciclisti accompagnati dai loro genitori, sono partiti alle ore 10.00 da Largo Padre Pio di Via Tommaso Fiore e dopo gli 8 km di ciclopasseggiata sono arrivati a Masseria Calandrella. Nella Masseria i bambini hanno fatto colazione e successivamente hanno giocato con gli scout nel parchetto attrezzato della masseria.

Subito dopo il pranzo, offerto dai vari sponsor, si è svolto il momento della lettura e della proclamazione dei vincitori del concorso poetico “Parole a Catena”. Le poesie o le filastrocche dovevano essere dedicate al grandissimo campione di ciclismo Felice Gimondi, scomparso lo scorso 16 agosto, contenendo la parola “La Matta”. Tutto questo sotto la guida della maestra Dora Intini che ha aiutato i bambini nella stesura di queste creazioni.

I cinque bambini che hanno scritto i migliori elaborati sono stati premiati con un buono dal valore di 20 euro da utilizzare per l’acquisto di materiale scolastico.
Alla fine della giornata tutti i bambini hanno ricevuto il kit con la t-shirt e altri gadget tra cui un kit per l’igiene orale, prodotti da forno e il libro “Coppi e Bartali” per allietare e far conoscere la cultura ciclistica ai piccoli.

Il vice presidente dell’ASD Ciclo Noci Vintage Giulio De Tintis ci dice “ Che dire, siamo ultrasoddisfatti anche della sinergia che c’è fra gli associati della nostra associazione e delle famiglie che hanno preso parte a questa edizione. Ringraziamo soprattutto chi ci ha ospitato nella loro incantevole struttura di Masseria Calandrella, Franco e Vera Intini, a seguire tutti i nostri sponsor e partner che ci supportano ad ogni evento, al comando di Polizia Municipale di Noci e al gruppo Rangers per averci fatto pedalare in sicurezza.”

Sui bambini De Tintis dice: “Loro sono il nostro ossigeno e ci danno la forza per andare avanti perche di base sono il nostro “futuro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA