Stampa
In: Tutela e rispetto

07 31wcNOCI (Bari) - Tanti Wc recuperati dalla strada da poter posizionare nei luoghi abbandonati della nostra città. Lo scorso mercoledì 29 luglio, al centro della Villa Comunale, il Clan del Pino del gruppo scout Noci 1 ha presentato alla cittadinanza l’ultima coraggiosa azione da compiere nei confronti del proprio paese a conclusione di un percorso interno (capitolo) denominato “Ambiente e territorio”. Con l’evento “WCini alla città” un messaggio forte e chiaro da lanciare ai concittadini ed un invito a prendersi cura di tutto ciò che è bene comune.


Villa Comunale, largo Baden Powell, centro storico, Madonna della Croce, parco di Via Prospero Fairoli, etc. Sono stati questi i luoghi abbandonati individuati dai rover e dalle scolte del Clan del Pino all’interno dei quali hanno voluto posizionare WC recuperati e decorati. Il progetto, presentato alla cittadinanza con un video ed un invito a decorare seduta stante ancora altri wc, ci è stato meglio spiegato da Gigia Recchia.

07 31wcini

“Dopo aver scelto come tema del capitolo “Ambiente e territorio” abbiamo cominciato ad analizzare il nostro paese ed abbiamo rilevato che alcuni luoghi sono per davvero in stato d’abbandono. Fra questi abbiamo individuato la villa comunale, Piazza Baden Powell, Madonna della Croce, Parco di Via Prospero Fairoli, giardinetti di Padre Pio, lo stesso centro storico, etc. In seguito abbiamo voluto portare avanti sia un’indagine storica che ci portasse a conoscenza di come erano un tempo questi luoghi ed un’inchiesta ai cittadini per capire quanto effettivamente secondo loro questi luoghi fossero abbandonati. Ne è emersa consapevolezza sullo stato d’abbandono. Conclusa la nostra fase “analitica” abbiamo richiesto un incontro con l’assessore all’urbanistica Marino Gentile. Egli ci ha spiegato che a livello amministrativo sono in ballo progetti di riqualificazione come nel caso del parco della Madonna della Croce. Più nel concreto è invece entrato il sindaco di Noci Domenico Nisi. Egli ci ha detto che effettivamente, se i cittadini si prendessero maggiormente cura di alcuni luoghi altrimenti costosi in termini di manutenzione, gran parte di questi soldi sarebbero indirizzati verso ambiti più importanti ed urgenti. E quindi è nata questa idea di posizionare lungo i luoghi abbandonati da noi individuati alcuni wc che abbiamo recuperato lungo la strada. Li abbiamo ripuliti, risistemati ed infine decorati. Il messaggio che abbiamo voluto dunque trasmettere è stato questo: dobbiamo prenderci cura del nostro bene comune e non delegare solo il “Comune” a farlo. Sulla rovina dei water a cui abbiamo già assistito in questi giorni: era quello che ci aspettavamo. La provocazione è stata accolta. Qualcosa di così carino viene immediatamente distrutto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA