Stampa
In: Notizie da Noci

finanza 03Aggiornamento del 16 dicembre ore 10:00 - Il responsabile da ieri agli arresti domiciliari, a seguito della conclusione delle indagini condotte dai Finanzieri della Tenenza di Putignano sul finanziamento per il restauro della casa di riposo Sant'Anna, è l'imprenditore ed ex assessore Vittorio Lippolis. Ad altre 15 persone, fra cui due religiose rappresentanti dell’ente ecclesiastico, è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari. I fatti, contestati risalgono al periodo 2014-2016.

 


NOCI (Bari) - I Finanzieri della Tenenza di Putignano hanno concluso una complessa indagine finalizzata alla repressione delle frodi in tema di Fondi Comunitari pari ad € 1.500.000 erogati dalla Regione Puglia a favore di un Ente Ecclesiastico con sede a Roma finalizzati alla ristrutturazione di un immobile successivamente adibito a casa di riposo per anziani sito in Noci (BA).

Sulla scorta degli elementi raccolti, il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Bari ha emesso un’ordinanza con cui ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di uno degli indagati, residente a Noci, ritenuto il promotore e principale artefice della frode ai danni dell’Ente Pubblico. La stessa Autorità Giudiziaria ha disposto inoltre nei confronti dei principali indagati il sequestro finalizzato alla confisca di una somma equivalente al finanziamento illecitamente percepito. La medesima misura cautelare a carattere patrimoniale ha interessato l’ulteriore somma di € 200.000 ritenuta profitto del reato di auto-riciclaggio commesso attraverso una società di persone operante nel settore immobiliare riconducibile al soggetto arrestato.

La Procura della Repubblica di Bari, che ha diretto e coordinato l’attività investigativa, ha depositato l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti di n. 16 persone fisiche concorrenti nel reato di truffa e responsabili dei reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Nel corso delle indagini è emerso che l’Ente religioso beneficiario dei contributi pubblici, nell’ambito di un piano ideato, promosso ed organizzato dal soggetto attinto da misura cautelare, con la complicità dei titolari delle imprese esecutrici dei lavori oggetto di finanziamento, poneva in essere artifizi e raggiri al fine di far risultare un importo relativo all’investimento effettuato di gran lunga superiore a quello effettivamente sostenuto in modo da indurre in errore l’Ente Regione Puglia e procurarsi un ingiusto profitto quantificato in € 1.500.000.

L’attività ha permesso di dimostrare che le imprese esecutrici dei lavori restituivano gli importi illecitamente sovra-fatturati, successivamente suddivisi tra l’Ente Ecclesiastico ed il promotore dell’attività truffaldina, il quale li ha reinvestiti in una propria società.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA