Stampa
In: Enogastronomia

11 03burgerkinenabNOCI (Bari) - "Non avremmo mai pensato di chiedervi di fare questo. Ordinate da Mc Donald's". Chi non ha avuto modo di notare sui social l'invito giunto via Twitter dalla sede britannica di Burger King, nato con l'obiettivo di salvare i posti di tutti i lavoratori del settore, nel momento in cui il Paese decreta il lockdown per via della pandemia? "Ordinate online", ha chiesto Burger King, chiedete cibo da asporto: è l'unico modo di mantenere i ristoranti aperti nel momento in cui frequentarli è vietato per legge". Lo stesso invito, solidale, lodevole, e che ha sollevato la curiosità del popolo del web, è stato ribaltato da un noto locale nocese, il Nab (New American Bar) il quale, riprendendo la stessa formula testuale di Burger King, invita sui social a sostere tutta la ristorazione locale, nocese.

L'invito, che per Burger King non si limita a menzionare il tradizionale rivale - "Non avremmo mai pensato di incoraggiarvi a ordinare da KFC, Subway, Domino’s Pizza, Pizza Hut, Five Guys, Greggs, Taco Bell, Papa John’s, Leon, o altri ristoranti indipendenti, troppo numerosi per essere menzionati qui. In breve, da qualunque delle nostre sorelle delle catene alimentari veloci o non così tanto veloci" - è stato trasformato dal NAB in questa maniera: "Non avremmo mai pensato di incoraggiarvi a ordinare da Attenti al luppolo, Edy Food Bar, Enò, Oliver Hardy, Bar Pace, Pizze e Sfizi, La bella Noci, Sud's, San Bernardo, Hammy, o da qualsiasi altro bar o ristorante sia sotto casa vostra". 

I ristoranti, prosegue Burger King, "impiegando migliaia di lavoratori hanno bisogno del vostro aiuto". Naturalmente "un Whopper è sempre la cosa migliore, ma anche ordinare un Big Mac non è così male", scherzano gli autori della campagna.

E così allo stesso modo anche il NAB: "Mangiare una puccia Mucclon é sempre meglio ma una Puccia Randò è buonissima comunque".

La campagna, che sta ricevendo molti apprezzamenti e retweet, é stata replicata anche su Noci e dalla rete in generale. Un gesto di solidarietà per il mondo della ristorazione che non poteva rimanere inosservato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA