Stampa
In: Lettere al giornale

10-17-antenneLETTERE AL GIORNALE - Scrivo questa lettera aperta alla cittadinanza di Noci, ma anche (e a malincuore) all’amministrazione comunale, con particolare fiducia però in Angela Lobianco (che ha già opportunamente sollevato il tema mesi fa) e in Paolo Conforti, entrambi opposizione.

Il tema è la rassicurazione sulla sicurezza di noi cittadini e dei nostri figli. La richiesta è di portare a conoscenza di noi cittadini l’entità dei campi elettromagnetici a radiofrequenza. Ad esempio centinaia di bambini che frequentano la scuola GALLO, in via Repubblica 36, hanno sulle loro teste un ripetitore telefonico. Una amministrazione oculata deve fornire, ad una società responsabile, la visibilità dei risultati delle misure. Esistono misure aggiornate in questo caso? Se non esistono è un fatto grave ed occorre immediatamente chiedere il monitoraggio tramite impiego di centralina come da intese tra ARPA e ANCI.

Ma il tema della sicurezza dei campi elettromagnetici a Noci è più ampio, ci sono infatti diversi ripetitori, e forse anche qualcuno occulto nel centro storico (vox populi). Siamo anche un po’ stanchi delle prese in giro, di vedere politici che all’opposizione si oppongono ai ripetitori ed ai posti di comando autorizzano il potenziamento degli stessi.

Noci ha bisogno di serietà e di rispetto, delle persone e della loro sicurezza. Vogliamo un piano delle antenne in più e qualche inutile opera in cemento in meno. Vorremmo stare tranquilli e vedere ponti ed antenne delocalizzate, quantomeno lontano da dove studiano e crescono serenamente i nostri bambini. Vorremmo conoscere trasparentemente tutte le misure aggiornate, di pari passo ai recenti nuovi impianti e/o potenziamenti di quelli vecchi, dei campi elettromagnetici a radiofrequenza dentro Noci.

Vorremmo delle risposte dal Sindaco, ma del tipo abbiamo già FATTO questo, ecco i risultati! Siamo stufi di sentire promesse in stile renziano: “faremo questo”, “c’è da fare quest’altro”, “è colpa dei gufi e della burocrazia”.

Nocesi, vi ricordo che viviamo nel terzo millennio, che questa comunità non è un Feudo Medioevale (o lo è?), e che Nisi, con la stampella di Morea e Marino, è pagato coi nostri soldi anche e soprattutto per tutelarci; e siccome sul tema mesi fa è già stato incalzato dall’opposizione, cioè da Angela Lobianco (FI), ci dica cosa ha fatto. Che risultati ha oggi in tasca? Sulla salute dei nostri figli è responsabile far sentire la nostra voce.

Al dipendente Nisi la parola …

Enzo Bartalotta, padre e cittadino

 

 


Dott. Bartalotta, il tema dell'elettrosmog a Noci è certamente rilevante vista la proliferazione negli ultimi anni di antenne di telefonia di ultima generazione. Gli ultimi dati ARPA a noi noti risalgono al 2008 e furono presentanti dall'ass. Vincenzo Gentile durante il consiglio comunale del 26 febbraio 2009 (Leggi l'articolo). Furono dati tranquillizzanti che presentavano valori al di sotto della soglia di pericolo. Sono trascorsi sei anni ed in questi ultimi tempi sono stati autorizzati anche potenziamenti di coperture telefoniche. Ecco perchè le sue domande per conoscere lo stato attuale dell'esposizione a fonti elettromagnetiche a Noci risultano condivisibili.

Beppe Novembre

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA