Stampa
In: Pallamano

03-08-logo-figh-NOCI (Bari) – Ritornano le nuvole cupe per la Pallamano Intini Noci. Dopo un brutto gennaio 2013, quando, dopo aver constatato l’impossibilità da parte del main sponsor di far fronte alle principali spese societarie, la dirigenza si era vista costretta a rinunciare agli obiettivi stagionali e soprattutto a dover rescindere diversi contratti con giocatori importanti ed affidare la squadra ai veterani e agli under, una nuova crisi sta colpendo la prima società di pallamano nocese. 

Proprio nell’ultima partita di campionato, precisamente sabato 2 marzo, contro il Palermo, la dirigenza biancoverde non ha consegnato agli arbitri la ricevuta di pagamento per la tassa gara, ne tantomeno l’ha fatta pervenire negli uffici federali. Automaticamente è scattata la multa di 2.500 euro più tre punti di penalità in classifica inflitti dal giudice sportivo Salvatore Orefice. Quest’ultima poi, sommata ai 600 euro precedenti di multa inflitti in occasione della gara con il Teramo, fa un totale di tremilacento euro che la società dovrà versare nelle casse federali. Una somma che dovrebbe gravare parecchio sull’economia societaria, già in forte crisi.

Ma i guai per la Pallamano Noci non finscono qui. La società si ritrova in causa con il Comune di Noci in quanto non ha saldato un debito di 40.469,57 euro di cui 7.931,64 per le spese di canone acqua e fogna e 32.537,93 euro per spese di energia elettrica, inerenti il periodo marzo 2008/ottobre 2012. Di seguito riportiamo la delibera della giunta datata 29 gennaio 2013: Leggi la delibera di Giunta

Come riuscirà la dirigenza, adesso, ad uscire da questo profondo tunnel  in cui vede allontanarsi la luce?

© RIPRODUZIONE RISERVATA