Pubblicità

Pubblicità pub noci24 01

Pubblicità Assinotar 2017 luglio 1

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

- -

10-30-protezione-civileNOCI (Bari) - La recente alluvione che ha causato morte e distruzione nella piana tarantina e le forti precipitazioni abbattutesi nel sud-est barese nella prima decade di ottobre hanno spinto gli operatori del settore ad incontrarsi per fare il punto della situazione sul rischio idrogeologico in terra di Puglia. Per il terzo anno consecutivo la Prefettura di Bari ha convocato a Noci, presso la sala convegni del Nuovo Foro Boario, tutti gli operatori del settore.

Dagli amministrativi regionali, ai tecnici, agli agenti di Polizia Municipale ed ai volontari di Protezione Civile, il tavolo è stato allestito per discutere del piano idrogeologico pugliese e la migliore strategia per attivare i soccorsi in caso di calamità. 

10-30-col-laricchiaIl tutto nasce da un'attenta osservazione del meteo dando particolare rilievo alle previsioni che ad oggi, grazie all'avvento della tecnologia, hanno un margine d'errore molto basso. «La situazione degli ultimi tempi sulla regione pugliese – ha dichiarato a Noci24.it il Col. Vito Antonio Laricchia (in foto) – è caratterizzata da eventi estremi dovuti al riscaldamento globale. Il caso dell'ottobrata italiana è in primis un evento estremo. Giornate come queste di caldo intenso a fine ottobre non giovano ai settori agricoli e all'ecosistema in generale. È plausibile pensare ad un risvolto netto di freddo e clima rigido per questo inverno». Mentre per il sud-est barese Laricchia avverte: «la zona è "pericolosa" perché situata in un luogo geografico in cui si incontrano le correnti fredde provenienti da nord con i venti sciroccali provenienti dal settore africano. Questo dà luogo a precipitazioni torrenziali di carattere forte o molto forte». Ed è il motivo meteorologico per cui Giove Pluvio ha deciso di spazzar via mezzo tarantino.

10-30-relatori-idrogeologicoL'importanza dell'allertamento rispetto agli eventi di precipitazione significativi in un'ottica di protezione civile è stato il tema dell'intervento tecnico del Dott. Franco Intini del Centro Funzionale della Regione Puglia. «La criticità idrogeologica "ordinaria" spesso associata ai temporali, nonostante l'elevato impatto che essi hanno sul territorio, in termini di danni alle strutture e alle attività e di rischi per l'incolumità delle persone, è ascrivibile alla scarsa prevedibilità della localizzazione e della tempistica di accadimento di tali fenomeni». Per tale motivo Intini esorta i comuni ad «intraprendere attività di presidio e di controllo del territorio, predisporre le misure preventive opportune in modo tale da rendere efficace il sistema di allertamento sulla situazione di rischio». Situazione di rischio che per Noci si identifica anche «nella pulizia dei canali di scolo e griglie comunali ad oggi piene di residui e rifiuti» come denunciato in sede da Giuliana Palazzi presidente dell'associazione di protezione civile Il Gabbiano.

Seguono quindi gli interventi a ruota dei circa dieci comuni interessati dall'area posta in esame dal VicePrefetto con delega alla Protezione Civile Mario Volpe e dagli amministrativi regionali, con l'esposizione dei diversi problemi su scala comunale. Interventi specifici sono stati segnalati nei comuni di Alberobello, Monopoli e Putignano. Massima disponibilità nei pronti intervento di ripristino delle utenze sono stati garantiti invece dai tecnici dei servizi pubblici come Enel Distribuzione, Anas, FSE, Ferrovie dello Stato, assenti invece gli operatori telefonici.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

Dalla prima pagina

Pubblicità

Pubblicità

Dulciar Natale 2017

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

Ginevra
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 203 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 
master-noci24-ballottaggio
promemoria

CONTRATTI DI QUARTIERE II

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 1-4-2004

Avvio lavori P.zza Garibaldi: 11-4-2012

Fine lavori P.zza Garibaldi: 30-4-2013

Approvazione convenzione: 15-07-2014

Avvio lavori per le case: ???

Sono trascorsi:

 

MUSEO DEI RAGAZZI

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 30-11-2005

Primo stralcio: 7-06-2011

Secondo stralcio: 7-04-2014

Avvio Terzo stralcio: 29-12-2015

Conclusione Terzo stralcio: ???

Sono trascorsi:

 

Twitter

PUMS

 

Il progetto: cosa prevede

Avvio del bando: 19-12-2014

Affidamento: 8-09-2016

Sito web dedicato al PUMS: 17-09-2016

Chiusura prima fase del PUMS: 22-12-2016

Adozione ed attuazione PUMS: ???

Sono trascorsi:

 

Facebook