Pubblicità

Pubblicità

NOCI24.it

Quotidiano on-line della città di Noci (Bari)

GiovedÌ, 26 Novembre 2020 - 10:13

coronavirus

 lamp   La situazione del Covid-19  -->> nel Mondo   e   -->> in Italia   lamp

trovo aziende

 

05 04 nicola recchiaNOCI (Bari) – C’è chi ogni giorno si interroga su quale sia la propria strada, chi trova quella strada e lavora duro ogni giorno per non perderla, chi sperimenta se stesso mettendo alla prova le proprie capacità, ponendosi di fronte a continue sfide. E poi c’è chi nasce e cresce con un unico desiderio: mettersi al servizio degli altri, del proprio Paese. Nicola Recchia è cresciuto ponendosi un unico obiettivo, che si è fatto sempre più forte e determinante. Ha prestato la sua vita al suo Paese, non temendo di porsi di fronte a realtà dure da affrontare soprattutto sotto il profilo psicologico. Ha accettato qualsiasi condizione che questa ambizione ha comportato, con la certezza che la sua vita è l’Esercito.

Quanto l’esperienza di tuo fratello, già avviato alla carriera militare, ha influenzato la tua scelta di arruolarti nell’esercito italiano?

Decisamente tanto. Lui è un Sottufficiale dell’Esercito che fa servizio in Friuli, mi sono avvicinato all’esercito grazie ai suoi racconti di vita militare, accrescendo in me la voglia di conoscere questo lavoro. Così, subito dopo essermi diplomato, sono partito come volontario in forma breve (VFB) nell’esercito italiano, con istanza a Sora per circa tre mesi, per poi essere trasferito in diverse parti dell’Italia: quattro anni a Splilimbergo e sette a Bologna, cinque anni a L’Aquila e da circa due anni sono ad Ascoli piceno. Lui è anche il mio fratello maggiore e in quanto tale fin da piccolo ho sempre cercato di imitarlo e devo dire che mai come oggi sono fiero di averlo fatto. È grazie a lui e soprattutto alla mia famiglia che oggi sono quello che sono.

Quali sono state le tue esperienze più importanti come volontario in ferma breve (VFB)?

Innanzitutto doversi confrontare con tanti nuovi ragazzi (alcuni diventati amici) di culture e dialetti diversi dal mio non è stato semplice, anche se la mia tenacia ed il mio carattere mi hanno portato subito ad ambientarmi e ad affrontare il tutto con forza di volontà e serenità. Un momento di grande commozione è stato sicuramente il giorno in cui ho giurato alla Patria. È stato proprio in quel momento che ho capito di aver fatto la scelta giusta e che da quel giorno in poi avrei dedicato la mia vita al mio Paese.

Oltre a numerose esperienze sul territorio nazionale, hai avuto modo di partecipare anche a diverse attività internazionali…

Per chi sceglie e ama questo lavoro la più grande aspirazione è quella di operare in missione di pace. Ho avuto la fortuna di partecipare a tre missioni di pace che mi hanno fatto crescere come Uomo oltre che come soldato, sono state esperienze molto forti, ma che ti lasciano il segno. In Kosovo appena arrivato ho trovato una realtà indescrivibile che neanche in televisione avevo mai visto, in Iraq ho capito davvero il significato di guerra e della brutalità che provoca la dittatura. Il momento del ritorno a casa, dalla propria famiglia e dai propri affetti, resta sempre il più bello: se mai mi dovessero chiedere di tornare sarei pronto e non esiterei neanche un attimo.

In tutta la tua carriera militare, quale è stato il momento più difficile che hai dovuto affrontare?

Nel 2009 mi sono trovato purtroppo ad affrontare un’esperienza drammatica. Nel settembre 2008 sono stato trasferito da Bologna a L’Aquila e solo dopo otto mesi ho vissuto l’esperienza del terremoto. Durante quel periodo sembrava di essere tornati nei luoghi disastrati dalla guerra, dovendo scavare tra le macerie e prestare soccorso alla popolazione aquilana.

Qualora non avessi scelto di intraprendere la carriera militare, cosa ti sarebbe piaciuto fare nel tuo futuro?

Mi è sempre piaciuto stare a contatto con la gente, infatti alla fine della ferma triennale dell’esercito ho frequentato un corso quale agente di commercio a Bari, ma la richiamata alle armi arrivata dopo qualche mese ha cancellato ogni dubbio. La mia vita è l’Esercito e sono ripartito senza rimpianti.

Numerosi sono stati gli spostamenti in questi anni. Rappresenta questo per te un ostacolo o, al contrario, asseconda il tuo desiderio di affermarti ancora di più in questo ruolo?

L’esperienza fatta in Friuli, Emilia Romagna, Abruzzo e Marche sono state stupende, ho conosciuto tantissima gente, tante culture e cucine diverse, ho messo tanti chili mangiando nuovi piatti che restando a casa li avrei visti sono dalla Clerici (scherzo). Quando ne ho la possibilità torno a Noci, ma nella mia vita ho fatto delle scelte che comportano necessariamente lo stare lontano ed in continuo movimento. Questo per me non è un ostacolo ma bensì un aspetto positivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta tramite Facebook

 

trovo aziende

 

Altri hanno letto anche:

La pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Pubblicità

La pubblicità

Chi è on-line?

Abbiamo 529 visitatori e nessun utente online

SERVIZI

sezione-auguri sezione-vendesi sezione-necrologi

 
 

FUORI CITTA'

Covid19 - Monopoli: 161 positivi

21-11-2020

MONOPOLI - In Sindaco di Monopoli Angelo Annese questa sera ha comunicato i dati aggiornati sui contagi da Sar-Cov2 a Monopoli:...

Covid19 - Putignano: 99 positivi

21-11-2020

PUTIGNANO - Nel pomeriggio la sindaca Luciana Laera ha comunicato i dati, aggiornati ad oggi, dei putignanesi positivi al Coronavirus. Sono...

Modugno - Sorpresi quattro minorenni che posizionavano sassi lungo la linea ferroviaria

17-11-2020

MODUGNO - I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Modugno hanno denunciato in stato di libertà i genitori di...

Castellana Grotte - Sospesa l’attività didattica da domani in due istituti scolastici

15-11-2020

CASTELLANA GROTTE - Sospesa l’attività didattica da domani in due istituti scolastici per casi accertati di Covid-19 tra i docenti a...

Bari - Minore denunciato per rapina sul Lungomare

14-11-2020

BARI - I Carabinieri della Stazione di Bari Principale, al termine di attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà...

Castellana grotte - Evade dai domiciliari per rubare in chiesa, arrestato dai carabinieri

14-11-2020

CASTELLANA GROTTE - I Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia...

NECROLOGI

E' tornato alla casa del Padre Giovanni Novembre

10-06-2020

E' tornato alla casa del Padre all'età di 71 anni Giovanni Novembre. Lo annunciano la moglie Angela, i figli Giuseppe...

Ricordo di Nicola Putignano

22-12-2019

Il 18 dicembre 2019 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari e dell'intera città il prof. Nicola Putignano, docente...

Muore il 42enne Mirko Quarato: oggi i funerali in Chiesa Madre

24-04-2019

NOCI (Bari) - Non ce l'ha fatta a sopravvivere il giovanissimo Mirko Quarato dopo il pericoloso incidente che lo aveva...

LETTERE AL GIORNALE

DS Chiara d’Aloja: lettera aperta alla Comunità Educante

28-08-2020

LETTERE AL GIORNALE - Il nuovo anno scolastico è alle porte anche per l’Istituto Comprensivo Gallo-Positano e sarà un anno speciale...

Piero Liuzzi: "Zavoli e la sua fame di Sud"

06-08-2020

NOCI - Riceviamo e pubblichiamo questo breve ricordo del sen. Piero Liuzzi sul suo originale rapporto con Sergio ZAVOLI, parlamentare...

Auguri nonna Stella!

04-07-2020

NOCI (Bari) - Il 1 luglio 2020 nonna Stella, per tutti Stella Palattella, per le amiche e vicine di casa "Stellina...

Offese all'ing. Conforti. La replica dei giornalisti Longo e Scagliarini

05-06-2020

Riceviamo e pubblichiamo la replica dei giornalisti Giovanni Longo e Massimiliano Scagliarini al comunicato pubblicato il 23 maggio su NOCI24.it a firma...

Morea replica a Plantone

22-05-2020

NOCI - Il consigliere comunale di minoranza Stanislao Morea (Idea Noci) ha diffuso una nota in replica al comunicato del consigliere...

Per una Scuola silenziosa ed autenticamente operante

27-04-2020

LETTERE AL GIORNALE - Nel mostrare ciò che si fa, si corre sempre il rischio che la volontà di fare...